Se per Valentino Rossi il 2019 significa nuove conferme e magari molti successi, per il compagno di squadra Maverick Vinales la nuova stagione si apre all'insegna di una sola parola: cambiamento.

Saranno infatti tante le novità che lo attendono, ad iniziare dal nuovo numero sul cupolino della moto che dal numero “25” è diventato il numero “12”, per non parlare del suo nuovo Capotecnico Esteban Garcia che lo attende all'interno del box per iniziare il lavoro. E di tutti questi cambiamenti lo spagnolo ne è più che consapevole e anzi, dato il suo malcontento della passata stagione, non vede l'ora di inziare a lavorare in modo concreto sulla sua M1.

OTTIMISMO – “Mi sento molto bene – ha esordito Vinales – siamo pronti per spingerci al limite, siamo convinti di poter ragiungere un livello molto buono e non vediamo l'ora di iniziare. Le vacanze sono finite e adesso è tempo di tornare in moto. Spingeremo al massimo già nei primi test, quando corri con la Yamaha il tuo obiettivo è essere il numero uno.”

SU ROSSI – Maverick ha parlato anche del suo compagno di squadra definendolo il suo primo avversario da battere in pista, ma anche un esempio da seguire data la sua esperienza:”cosa posso imparare da lui? - ha proseguito – certe volte è più veloce di me, altre sono più veloce io, pertanto condividiamo i dati per provare a migliorare insieme. Questo è un aspetto molto importante vista l'esperienza di Rossi, da lui posso imparare tanto. Anno dopo anno sono migliorato come pilota, ma devo migliorare ancora.”

GRANDE MOTIVAZIONE – I presupposti per fare bene, quindi ci sono tutti: un nuovo capotecnico, una nuova moto e grande motivazione, a Maverick Vinales non manca davvero niente prchè la stagione 2019 possa essere la sua stagione:”il mio primo obiettivo – ha concluso sorridendo – sarà battere Rossi, gliel'ho anche detto. Poi proverò a restare concentrato, è importante in un Mondiale così lungo, e dovrò mantenere un livello alto come stile di guida. Sono pronto per tornare davanti a tutti. Questi cambiamenti credo che mi porteranno benefici, con Esteban Garcia come capotecnico posso solo fare bene, potrò dare quel qualcosa in più che mi è mancato lo scorso anno.”