Jack Miller ormai dallo scorso anno sta svolgendo un buon lavoro al team Ducati Pramac e anche i test di Sepang e del Qatar fanno ben sperare, non solo per la Casa di Borgo Panigale, ma per il pilota stesso. E proprio dopo gli ultimi test ufficiali Miller ha raccontato a Marca.com come si sta svolgendo il lavoro sia all'interno del box ufficiale con Andrea Dovizioso e Danilo Petrucci, che in quello Pramac con lui e il nuovo arrivato Francesco Bagnaia.

“La Ducati sta usando me e Petrucci per testare ciò che può essere utile a Dovizioso” - ha detto l'australiano. Le sue parole potrebbero sembrare una polemica, ma in realtà non lo sono. Ecco perchè.

LAVORARE IN TRANQUILLITA' - Quella che in realtà al team Ducati, non solo ufficiale, stanno cercando di portare, è soprattutto un'atmosfera di tranquillità e condivisione, ovvero tutto ciò che a quanto pare, sembra mancato fino ad oggi. Per questo, senza voler creare polemiche, Jack Miller ha spiegato come si è svolto il lavoro all'interno dei due box durante i test ufficiali in vista del campionato 2019 che partirà proprio da questo weekend:”io e Danilo serviamo come un passaggio intermedio tra le opzioni prova e il driver principale, che è Dovizioso. In questo modo siamo in grado di utilizzare più specifiche per più situazioni.”

Anche Miller, per la nuova stagione, avrà a disposizione la GP19 da testare appunto e sulla quale trovare nuovi spunti. "All'interno della squadra – prosegue - c'è un rapporto molto stretto. I pezzi li prova Pirro e poi vengono inviati a me o a Petrucci. Il tutto viene poi verificato al box per vedere il corretto funzionamento e se funziona bene poi lo incorporano nella squadra ufficiale ".