Valentino Rossi è pronto a tornare in pista, anche se quello che lo attende, per la terza gara di stagione, è il circuito del Texas, tracciato che il nove volte campione del mondo non ama particolarmente.
Eppure ad Austin qualche buon risultato Vale lo ha portato a casa: un terzo posto nel 2015, un secondo posto nel 2017 e un quarto posto nel 2018.
Non sarà certo uno dei suoi circuiti preferiti, ma Rossi è partito dall'Italia convinto di voler fare bene.

CI SIAMO – Dopo un inizio 2019 scoppiettante, che ha visto il numero 46 ottenere la quinta posizione in Qatar e il secondo gradino del podio in Argentina, tutto è pronto adesso per il GP di Austin dove Dottor Rossi cercherà di portare a casa un altro buon risultato:” È stata una grande emozione essere sul podio in Argentina – dice – . Dopo un lungo periodo di digiuno è stato bellissimo, non solo per me ma anche per i fans.”

Rossi prosegue poi parlando della gara del weekend:”adesso dobbiamo focalizzarci sul Texas. Sappiamo che è una pista non facile, anzi credo che tecnicamente sia la più difficile della stagione. Devo dire che la scorsa stagione non è andata così male la gara e nelle ultime annate mi sono sentito bene su questo tracciato. Dovremo continuare come abbiamo fatto fino ad ora, lavorare a fondo, guidare bene e seguire la giusta direzione.”

ALLENAMENTI IN CORSO – Intanto il Dottore, fino a ieri, non ha perso un attimo di tempo del suo rientro in Italia dopo il Gp dell'Argentina per allenarsi al Ranch insieme ai ragazzi dell'Academy VR46. Un vero stacanovista che è riuscito a battere tutti gli altri piloti come Baldassarri, Morbidelli, Bagnaia, Migno, Bezzecchi etc... facendo addirittura il giro record del tracciato.

Adesso Rossi è volato in Texas dato che per domani è prevista la conferenza stampa dei piloti e da venerdì, tutti in pista per le prove libere.

MotoGP Austin: l'analisi di Brembo