Si parla di storia nella lunga intervista fatta da Crash.net alla leggenda del motociclismo Kenny Roberts.
Storia a due ruote che ripercorre la carriera del 3 volte iridato che ha corso dal 1974 al 1987 ottenendo 24 vittorie, 44 podi, 22 pole position e 27 giri veloci in 68 gare disputate.

Numeri che per il tempo in cui “King Kenny” correva, hanno davvero dello straordinario. Ma la Motogp di adesso è tutt'altra storia e un grande campione come lui lo riconosce: nell'intervista al giornale inglese racconta non solo dei cambiamenti che ci sono stati nel massimo campionato del mondo, ma anche di due grandi piloti di talento come Valentino Rossi e Marc Marquez.

LASCIA SCATENARE LA MOTO - Roberts è stato il primo pilota al mondo ad aver introdotto uno stile di guida “diverso” rispetto agli altri, uno stile un po' più “sporco” non solo da pista ma anche da sterrato, insomma, alla Marc Marquez. Ed è proprio a questo pilota che, facendo un paragone, Kenny si vede più vicino:”Penso che Marquez si avvicini un po' più a me nello stile di guida, nel farla scivolare, nel modo di curvare e nel farla scatenare. Questo almeno è quello che cercavo di fare io, ma non ero così bravo!”
“Marquez – ha aggiunto Roberts – può essere battuto, certo, ma è più facile che sia lui a battere se stesso. Per batterlo qualcuno dovrà davvero farsi avanti e mettergli pressione per fargli fare degli errori.”

“VALENTINO INCREDIBILE!” - A Kenny Roberts viene poi chiesto cosa ne pensa di Valentino Rossi che a 40 anni non solo continua a gareggiare, ma ad essere ancora molto competitivo ed in lotta per il titolo iridato:Quello che fa è davvero sorprendente! Alla sua età potrebbe godersi la vita su una sedia a dondolo e invece è ancora lì.”

Qual è quindi il segreto di Dottor Rossi?
“Ci sono vari fattori che hanno contribuito alla sua lunga carriera – ha concluso – uno su tutti è quello di non avere avuto troppi grandi infortuni, solo così si può continuare ad essere ancora veloci. In ogni caso, a prescindere da tutto questo, quello che sta facendo e ha fatto Valentino è davvero incredibile.

Jerez: gli orari tv del weekend per la MotoGP, Moto2 e Moto3