Il rookie Joan Mir, arrivato da poco in Suzuki, ancora non avrà ottenuto risultati importanti ma è convinto del bel lavoro che la sua squadra sta facendo nel box, e anche del suo compagno di team Alex Rins che sta portando la GSX-RR a raggiungere risultati importanti come la vittoria ad Austin, in Texas.

JEREZ, UN'EMOZIONE - E proprio in questo weekend, con il GP di Jerez alle porte, lo spagnolo Mir ha intenzione di rifarsi del 17esimo posto del Texas davanti al suo pubblico di casa: ”Sarà la mia prima gara di MotoGP in Spagna – commenta a Marca.come sarà speciale. Penso che sarà molto importante per la mia autostima fare un buon risultato, dopo due gare brutte. La moto va bene, il team anche, Jerez è un circuito incomparabile, quindi sono curioso di scendere in pista e vedere come ci si sente ad essere un pilota di motogp a casa propria.”

ALEX PUO' GIOCARSELA - Il numero 36 del team in azzurro, parla poi dei piloti che potrebbero essere i candidati al titolo 2019, includendo il suo compagno di squadra Alex Rins che giudica un ottimo pilota e un buon compagno di squadra: ”Tra tutti i piloti, Marquez sappiamo che è sempre lì, quindi è un candidato al titolo, l'uomo da battere per tutti, ma ci sono anche gli altri che sono forti.”
Tra questi Mir dà molta fiducia al suo compagno di squadra: ”La nostra moto è competitiva, anche se ovviamente ci sono circuiti nei quali soffriamo di più o di meno. Ancora dobbiamo migliorare nel giro veloce, ma in gara, in qualche modo, siamo sempre lì e questo fa ben sperare, dati i risultati ottenuti da Alex. Lui può giocarsela. Se si lotta per un titolo, si deve lavorare per raggiungere andando veloce sul giro singolo in qualifica, questo è l'obiettivo per andare avanti.”

PREVISIONE JEREZ – Infine, il rookie spagnolo fa una previsione per la gara di Jerez che si svolgerà questo fine settimana: ”La mia previsione per Jerez? - conclude – Primo arriverà Marquez, secondo Rossi e terzo Rins.”