Nel Gp di Le Mans Andrea Dovizioso dovrà cercare di salire sul podio ad ogni costo se vorrà rimanere nelle posizioni alte della classifica iridata. Il suo avversario più temibile sarà Marc Marquez, ma non solo: ad andare forte a Le Mans, come ci dimostrano le passate edizioni, saranno anche le Yamaha di Vinales e Rossi.
In più, il pilota forlivese avrà un altro avversario diretto, il suo compagno di squadra Danilo Petrucci che lo scorso anno arrivò in seconda posizione.
Quello che conta, è che la Ducati in Francia abbia dimostrato di essere competitiva e anche quest'anno cercherà, con Dovizioso e Petrucci, di portare a casa il risultato.

ANALISI PRE GARA - “La situazione in campionato è buona e aperta, -ha detto il Dovi in conferenza stampa - quest'anno siamo più piloti a lottare per il campionato. Siamo solo all'inizio ma sono contento di essere tra questi. In Francia siamo veloci, è una buon pista per noi e spero di essere più veloce che a Jerez. Durante le prove ci saranno più piloti al vertice e spero di essere lì, in più ci sarà l'incognita meteo quindi dobbiamo farci trovare pronti, vorrei tornare sul podio e magari lottare per la vittoria.”

QUALCHE INCERTEZZA – Dovi, dopo il Gp di Jerez, non era apparso troppo soddisfatto della gara e aveva mostrato alcune perplessità nei confronti della moto:“il livello delle moto è ravvicinato - ha proseguito - e tutte e quattro ( Ducati, Yamaha, Honda e Suzuki) sono diverse. Le caratteristiche e lo stile di guida sono diversi e ogni volta la storia cambia, non siamo contenti al 100% perchè abbiamo limiti a centro curva ma abbiamo degli aspetti positivi in altri settori della moto, in alcune piste va bene in altre peggio. Vorremmo qualcosa di più. In ogni caso siamo li, non siamo lontanti in campionato, siamo al limite ma questo vale anche per gli avversari. Non sono preoccupato quindi.”