Potrebbero esserci grandi cambiamenti nella griglia di partenza della MotoGP del 2020, con il team Stop and Go attualmente schierato in Moto2 che punta a prendere il posto di Avintia Ducati e passare al marchio Suzuki. A rivelarlo è la testata Motorcyclenews.com, che ha recepito i rumors del paddock. Sembra anche che il team manager della Suzuki Davide Brivio abbia negato che la Casa giapponese sia pronta a lanciare una squadra satellite, ma ha ammesso che Dorna li sta spingendo ad aggiungere altre due moto alla loro scuderia non appena possibile.

SYAHRIN: POSSIBILE FUTURO IN SUZUKI – I rumors parlano anche di trattative fra Hafizh Syahrin e Dorna sul suo futuro. Il pilota malese rappresenta il colossale mercato del Sud-Est asiatico sulla griglia di partenza e al momento sembra destinato a essere sostituito da Brad Binder nel team Tech 3 KTM, ma potrebbe costituire il pilota perfetto per la nuova squadra satellite di Suzuki.
In passato Suzuki ha espresso interesse a gestire una squadra satellite per agevolare lo sviluppo del GSX-RR. Ad un certo momento sembrava che il progetto potesse decollare con il team Marc VDS, fin quando è scoppiata la guerra civile all'interno della squadra.

IL TEAM SATELLITE NEL 2021 - "Vogliamo fare una squadra satellite e ci abbiamo provato, ma non c'è possibilità per il 2020. Lo diciamo da alcuni anni, ma ora sembra che dovremmo provare di nuovo a farlo per il 2021”, ha dichiarato Davide Brivio a Motorcyclenews. “Vorremmo davvero farlo, ma abbiamo risorse limitate e abbiamo bisogno di organizzare una struttura adeguata. Scegliere il partner giusto è un altro problema, ma quando decideremo di fare una squadra satellite vedremo se ci saranno alcune squadre interessate. Forse il prossimo anno dovremo lavorare su questo obiettivo per il 2021”, ha aggiunto Davide Brivio.

"Non c'è stata una reale pressione da parte di Dorna per avere quattro moto, ma di sicuro hanno messo in chiaro che sarebbero contenti se le avessimo”, spiega ancora Brivio. “Immagino che se decidessimo di farlo, proverebbero a supportarci, come hanno sempre fatto ".

AVINTIA: POSSIBILI CAMBIAMENTI - Anche in Avintia stanno cercando un accordo migliore per il 2020, e il direttore sportivo del team Ruben Xaus ha dichiarato che stanno cercando un pilota in Moto2 e stanno studiando partnership con altre Case per quando il loro attuale accordo Ducati sarà terminato. L’accordo potrebbe essere anche con Suzuki.

"La prima opzione è Ducati perché abbiamo un buon rapporto con loro. Ho corso con Ducati per molto tempo, quindi conosco il loro DNA”, ha dichiarato Ruben Xaus a MotoGP.com. “Ma, come sempre, ci sono situazioni in corso nel paddock e altre opzioni sono già sul tavolo. Ma per il momento abbiamo un contratto per due anni. Una cosa è certa: faremo una buona scelta. A proposito di piloti… ci sono due o tre giovani della Moto2 che stiamo tenendo d’occhio, sperando di averne uno a bordo entro due anni”, ha concluso Xaus.