A Milano, nel Boga Space, è stato presentato #Rideoncolors, il progetto di The Riders’ Land voluto e promosso da Visit Romagna per “colorare” il Gran Premio di San Marino e della Riviera di Rimini e il suo territorio con il genio di un grande designer e i contenuti di una terra che da sempre ama i motori.

“Il Manifesto del Gran Premio Octo di San Marino e della Riviera di Rimini 2019 parte dai presupposti grafici e di colore delle precedenti edizioni, ma per la prima volta il soggetto, il pilota, è identificabile”, ha detto Aldo Drudi.Per i 40 anni di Valentino Rossi ho voluto tributargli un omaggio scegliendolo come protagonista, ridisegnando e colorando a mano una bellissima immagine scattata da Gigi Soldano che lo riprende in piega dall’alto. Ho usato l’ombra che si proietta sull’asfalto per inserire nel poster la texture che quest’anno sarà riprodotta sugli spazi di fuga del Circuito Marco Simoncelli completando l’opera immaginata e avviata nel 2017. Il claim “#Rideoncolors” sottolinea la caratteristica del tracciato, la gigantesca opera grafica che si sviluppa sull’asfalto del circuito. Si gareggerà immersi nel colore! Linee tese, parabole disegnate dalla velocità, gli scacchi della checked flag, per comporre un’originale grafica racing made in Motor Valley”.

THE RIDERS’ LAND –“La terra dei piloti”, è un progetto innovativo di marketing integrato che si pone l’obbiettivo di utilizzare il gran premio a Misano come palcoscenico per valorizzare l’immagine e i prodotti  del territorio all’interno del contesto Motor Valley.

Il Gran Premio di San Marino e della Riviera di Rimini è uno degli appuntamenti sportivi più importanti in Italia e si pone l’obiettivo di confermare anche quest’anno circa 160.000 appassionati. Non solo, per tutta la settimana e manifestazioni collaterali del palinsesto di The Riders Land Experience attireranno turisti legati al motorsport (oltre 300.000 le presenze agli eventi nelle località della Riviera e di San Marino).

Ben 18 dei 24 piloti italiani impegnati nel motomondiale fanno parte della Riders’ Land. Cioè sono nati o hanno deciso di vivere in uno spicchio di terra di Romagna lungo 50 km.

Altri campioni in erba sono in rampa di lancio e sono abituali frequentatori degli impianti a disposizione, con il circuito di Misano come punto di riferimento e all’interno del quale è presente il centro tecnico federale della FMI che ogni anno ospita 400 giovanissimi che avviano la pratica sportiva. Un impianto protagonista di una ventina di tappe del motomondiale, oltre 50 del WorldSBK e appuntamento fisso dalla sua origine dei campionati italiani, per oltre 150 giornate l’anno fra gare e test del motorsport.

Senza dimenticare quanto generato intorno al ricordo di Marco Simoncelli: una Fondazione a lui dedicata con scopi sociali, il Museo del Sic a Coriano, un museo all’interno di MWC e i progetti relativi alla volontà di recuperare e riunire la memoria storica di una cultura sportiva straordinaria.

#RIDEONCOLORS - I singoli colori degli stemmi delle città si sono prima fusi per diventare una texture che ha “colorato” il circuito e che ora, sempre sotto forma di texture ritorna negli eventi della “Riders’ Land Experience” sui territori.

 “Con #RideOnColors entra nel vivo il progetto partito nel 2017 dal Misano World Circuit con la colorazione delle vie di fuga della pista ad opera di Aldo Drudi”, spiegano i promotori. Un primo step che ha contaminato le scelte grafiche riguardanti il poster e che quest’anno abbraccia l’intera operazione coinvolgendo i territori. Una strategia che vuole saldare lo spettacolo alla cultura del motorsport”.

A partire da questa realtà affascinante e da questo patrimonio unico, The Riders’ Land è il brand che nasce per rappresentare e promuovere nuovi obiettivi: innalzare il livello di appeal del territorio nel suo complesso e creare link commerciali per il sistema turistico, così da consentire la conquista di nuovi mercati nazionali e internazionali, oltre a nuovi target di consumatori.

Una delle leve sono anche i valori della tecnologia e del know how, con il Colorificio Sammarinese che “colora” con una vernice unica al mondo la “Samoline”, l’85% delle piste di tutto il mondo e dell’artigianalità, con la produzione di moto del calibro della Vyrus, esposta oggi a Milano, che ha fatto innamorare star come Keanu Reeves e Tom Cruise.

CON MEDA E SIMONCELLI - La brand identity #Rideoncolors contaminerà tutti i comuni del territorio con una “febbre colorata” che farà vedere i suoi effetti fino alla fine del 2020.

La presentazione del progetto #Rideoncolors è stata condotta da Guido Mesa e ha visto la partecipazione di tutti i suoi protagonisti: Augusto Michelotti, Segretario di Stato per il Turismo della Repubblica di San Marino; Davide Cassani, Presidente APT Servizi Emilia Romagna; Andrea Gnassi, Presidente Visit Romagna; Riziero Santi, Presidente della Provincia di Rimini; Fabrizio Piccioni, Sindaco di Misano, Cristiano Mauri, Assessore alla Polizia Municipale e Protezione Civile del comune di Bellaria Igea-Marina; Andrea Albani, Managing Director Misano World Circuit "Marco Simoncelli"; Paolo Simoncelli, papà di Marco e Team Principal Sic58 Squadra Corse.

L’IMPATTO ECONOMICO - La Motor Valley è quel distretto industriale specializzato nel settore automobilistico e motociclistico in cui si concentrano alcuni dei più prestigiosi brand mondiali, simbolo del migliore Made in Italy. Aziende di eccellenza che da sempre si occupano di ricerca, sviluppo tecnologico e, da qualche tempo, anche di turismo. Lo dimostra la presenza di 15 musei specializzati16 collezioni private aperte ai visitatori e 4 autodromi per le gare sportive, che hanno portato sul territorio oltre 1,2 milioni di presenze turistiche, risultate in più di 300 milioni di impatto economico, tra ricaduta economica degli eventi nei circuiti di Imola e Misano e visite ai musei aziendali.

La ‘motor experience’ di questo territorio comprende 16.500 imprese presenti nell’area per oltre 66.326 addetti. Tutto questo porta l’Emilia Romagna ad essere la terza regione per rilevanza all’interno del settore motoristico nazionale.