Nel weekend dal 25 al 27 ottobre a Phillip Island, in Australia, si svolgerà il diciassettesimo round del mondiale della MotoGP. ?Come ormai da tradizione, Brembo ha divulgato una serie di dati interessanti a proposito dell’utilizzo dei freni.

IL CIRCUITO - Inaugurato nel dicembre 1956, il tracciato ospita la 500 – e di conseguenza la MotoGP - dal 1989 e il Mondiale Superbike dal 1990. Situato sull’omonima isola a 140 km da Melbourne, è il circuito più vicino al Polo Sud dell’intero campionato. Nelle ultime quattro edizioni i suoi 38 gradi di latitudine si sono tradotti in temperature piuttosto rigide: nel 2016 e 2019 durante la gara la temperatura dell’aria è arrivata ad un massimo di 13 gradi e nel 2018 non ha superato i 16 gradi. ?
Per mantenere adeguata la temperatura iniziale dei freni spesso le MotoGP utilizzano le cover in carbonio, le stesse usate anche in altri circuiti in caso di pioggia. In caso di precipitazioni i piloti potrebbero invece usare i dischi in acciaio ma a Motegi nel 2017 i primi 9 al traguardo hanno dimostrato che è possibile correre con la pioggia anche con i dischi Brembo in carbonio senza risentirne ma anzi traendo grandi benefici.
Dall’analisi dei tecnici Brembo che assistono il 100% dei piloti della MotoGP 2019, il Phillip Island Grand Prix Circuit rientra nella categoria dei circuiti scarsamente impegnativi per i freni. In una scala da 1 a 5 si è meritato un indice di difficoltà di 1, valore? registrato solo da Assen. Lo stesso punteggio ha ottenuto anche per la Superbike.

L’IMPEGNO DEI FRENI - Pur disponendo di 12 curve la pista australiana presenta solo 7 punti in cui vengono utilizzati i freni dalle MotoGP, lo stesso numero delle frenate delle Superbike. ?
Su nessun’altra pista del mondiale MotoGP si registrano meno frenate: sono 7 anche a Buriram e a Spielberg?. In media a Phillip Island i freni sono usati per 22 secondi al giro, equivalenti al 25% della durata della gara.
La vicinanza con le gelide acque dell’Oceano Pacifico facilita la dispersione del calore accumulato. La decelerazione media è di 1,07 g ma per 4 delle 7 frenate non supera 1 g.?
Sommando tutte le forze esercitate da un pilota sulla leva del freno dalla partenza alla bandiera a scacchi si sfiorano i 5,9 quintali, il valore più basso dell’intero campionato. Per le Superbike il valore è invece vicino ai 4,9 quintali ma le loro gare sono di soli 22 giri contro i 27 giri delle MotoGP.?

LE FRENATE PIÙ IMPEGNATIVE - Delle 7 frenate del circuito solo una è considerata altamente impegnativa per i freni, un’altra è di media difficoltà e 5 sono light. ?
Con i suoi 268 metri di spazio di frenata, la prima curva dopo il traguardo è la più dura per l’impianto frenante: le MotoGP passano da 341 km/h a 189 km/h in 3,8 secondi durante i quali i piloti sono sottoposti ad una decelerazione di 1,5 g.?
In questa curva la frenata delle Superbike richiede meno tempo (3,3 secondi) e spazio (224 metri) perché le moto sono più lente di una trentina di chilometri orari.

La curva 4 invece si mette in luce per i valori elevati del carico sulla leva del freno (4,5 kg) e la pressione del liquido freno Brembo HTC 64T che arriva a 9,7 bar: parecchi, considerando che le MotoGP iniziano a frenare ad una velocità abbastanza modesta, si fa per dire, di 223 km/h e continuano a farlo per 4,8 secondi. La Superbike presenta valori identici tranne per la pressione del liquido Brembo che è più bassa. ?
Nelle altre 5 frenate la diminuzione di velocità è sempre inferiore ai 100 km/h e di conseguenza i relativi spazi di frenata non superano mai i 140 metri. Per la curva 9 i freni sono in funzione per soli 2,7 secondi, sufficienti a scendere da 222 km/h a 144 km/h. ?

PRESTAZIONI BREMBO - Le moto con freni Brembo hanno vinto 27 delle ultime 30 edizioni del GP d’Australia della classe regina. ?
Le ultime 6 edizioni sono state vinte metà dai piloti Honda e metà dai piloti Yamaha mentre l’ultima vittoria Ducati risale al 2010.