La gara di Phillip Island di Danilo Petrucci è finita poco dopo essere iniziata.
Il pilota del team Ducati, infatti, durante il primo giro, alla curva 2, ha perso il controllo della sua Desmosedici, è stato sbalzato a terra ed è finito addosso a Fabio Quartararo facendo cadere anche lui.
Per entrambi, fortunatamente, non ci sono state conseguenze, se non la rabbia di aver finito troppo presto la gara.
A proposito dell'incidente, però, Petrucci ha spiegato quella che è stata la dinamica coinvolgendo anche un terzo pilota.

SPIEGAZIONI E COLPEVOLI - Il pilota ternano, che dopo l'incidente è stato portato al Centro medico per gli accertamenti, ha riscontrato una contusione alla caviglia sinistra, ma niente di più:”sono davvero dispiaciuto per come è andata. – ha spiegato – Finalmente avevo avuto un weekend all'altezza delle mie aspettative e in qualifica avevo fatto anche un buon tempo, quindi ero ottimista per la gara.”
Petrucci prosegue spiegando la dinamica dell'incidente e di come, a suo avviso, Marc Marquez abbia innescato tutta la carambola:”alla curva 2, purtroppo, Marquez mi è entrato all'interno quindi sono stato costretto ad allargare la traiettoria finendo nello sporco e facendo l'highside che sfortunatamente ha coinvolto anche Fabio Quartararo.
Mi dispiace molto anche per lui e per il fatto che abbiamo perso l'occasione di salire sul podio. La caviglia mi fa molto male, ma sembra che non ci sia niente di rotto, quindi spero di essere a posto per il Gp della Malesia.”