E' durato poche ore, ma lo “scambio” fatto da Valentino Rossi e Lewis Hamilton su Yamaha e Mercedes a Valencia, è stato qualcosa di memorabile.
Non soltanto per l'impatto mediatico che ha avuto, nonostante sia stato fatto a “porte chiuse”, ma soprattutto su quello dei suoi protagonisti, due grandi campioni delle due e quattro ruote.
A raccontare la sua esperienza è stato Lewis Hamilton, che in un'intervista a Sky, ha descritto la prova sull'M1 come un sogno divenuto realtà.

COME IN UN SOGNO - “Onestamente – ha detto il campione di Formula 1 è stata una delle giornate più belle della mia vita. Ho guardato la MotoGP per così tanti anni, ho seguito Valentino per così tanto tempo, anche sui social, guardando le gare persino nei weekend in cui io stesso gareggiavo, sognando come sarebbe stato guidare una delle sue moto. Non credevo che una giornata del genere potesse realizzarsi. Credo sia stata una giornata storica per lo sport, perchè abbiamo messo insieme due diverse discipline.”

TANTA STIMA PER VALE - Hamilton parla poi di Valentino Rossi, un pilota che ha sempre ammirato:”ho sempre ammirato la sua costanza – ha proseguito – l'ispirazione che rappresenta, il suo stile di guida. Poter passare del tempo con lui, guidare dietro di lui, è stato fighissimo. È stato tutto davvero molto emozionante. La giornata si è chiusa alla grande con Valentino che continuava a guidare e io che continuavo ad imparare. Ho anche riportato la moto tutta intera.”

E LE DIFFERENZE? - Infine, il pilota Mercedes non può che fare un confronto tra MotoGP e F1:”le performance in frenata – ha concluso - sono buone, come con una macchina di Formula 1. In moto freni ma ci sono molte più cose a cui pensare come la posizione del corpo, le marce, la posizione della testa.”