Il futuro di Valentino Rossi potrebbe essere a quattro ruote: il pesarese ha dato ancora una volta riprova di quanto sia competitivo dietro un volante oltre che impugnando un manubrio: alla 12 Ore del Golfo, sulla pista di Abu Dhabi, Rossi ha concluso terzo assoluto sulla Ferrari 488GT3 del team Kessel che ha condiviso con il fratello Luca Marini e con l’amico di sempre Uccio Salucci. Non solo: l’equipaggio – che si era qualificato con il settimo tempo - si è piazzato al primo posto nella propria classe, ovvero la GT 3 Pro-Am.

Per la cronaca, la classifica assoluta sul circuito di Yas Marina ha visto primeggiare l’Audi R8 dell'Attempto Racing con al volante Rinat Salikhov, Christopher Mies e Dries Vanthoor, con l’Audi di Murod Sultanov-Mattia Drudi-Nicolas Foster al secondo posto.

Quanto alla strategia di gara, la Ferrari numero 46 è stata guidata da Rossi alla partenza e all’arrivo, mentre il fratello Luca Marini ha guidato nel secondo e nel quarto stint e Uccio ha corso nella terza parte.

Il risultato ha galvanizzato Rossi, anche perché l’equipaggio è riuscito a conquistare il podio assoluto e la vittoria di classe nonostante un inconveniente tecnico alla pompa di benzina nelle prime fasi di gara, quando era al quarto posto, e nonostante una penalità di 5 secondi. Rossi è arrivato in volata sull’Audi R8GT3 Evo della Spirit Race di Uwe Alzen-Martin Konrad-Dietmar Haggenmueller, quarta al traguardo e seconda nella GT3 Pro AM.

“È stata un'esperienza grandiosa, mi è piaciuta molto”, ha commentato Rossi. “La gara è fantastica, la pista è bellissima e mi sono sentito molto bene con la macchina dall'inizio. È una nuova esperienza per noi ed è bel feeling correre con Salucci e mio fratello (Luca Marini ndr). E in particolare, è la prima volta che finiamo sul podio dell’assoluta e voglio farlo ancora. È una giornata lunga ma molto divertente. È difficile mantenere la concentrazione, soprattutto durante il giorno, mentre la sera fa più fresco e ti diverti tanto. È una gara lunga ma bella. Le gomme hanno dato una migliore aderenza la sera e sono andato decisamente più forte. È stato il debutto di Luca, so cosa può fare dalla guida di un rally, e ci siamo divertiti moltissimo".

Al via anche Loris Capirossi, che si è piazzato settimo assoluto, sempre con una Ferrari 488 GT3 del team Kessel, dopo essere scattato dalla quindicesima posizione in griglia, in equipaggio con Alexis De Bernardi e Nicky Cadei.