Le voci del paddock, anche se a riflettori spenti, erano iniziate a circolare da quando Max Biaggi era sceso in pista in Malesia in sella all'Aprilia RSV4 X. Per alcuni si trattava di un “ritorno di fiamma” verso il mondo delle corse come tester, per altri, di una possibile sostituzione nei confronti di Andrea Iannone coinvolto nello scandalo doping.

E invece, Biaggi, in un post pubblicato su Facebbok, ha messo a tacere ogni dubbio spiegando cosa sia stato quel test di Sepang in sella all'Aprilia.

“Volevo mettermi alla prova”

“Vorrei condividere alcune riflessioni con voi. - ha scritto il pilota e team owner del Max Racing team - Il test in Malesia con la mia RSV4 X, è stato fortemente voluto da me, visto che era stato programmato con largo anticipo. Con l'occasione poi, ho anche avuto il piacere di svolgere un evento con Aprilia in Malesia ed incontrare tanti appassionati”.

“Sono andato dall'altro capo del mondo, - prosegue Max - perché avevo voglia e necessità di mettermi alla prova, su un circuito che per me ha rappresentato tanto. A tre anni dal brutto incidente di Latina e con l'età che avanza inesorabilmente, credetemi ci ho messo del tempo per recuperare determinati meccanismi. Con 160 giri in tre giorni compiuti a Sepang, ho messo alla prova il mio fisico e la mia mente, per capire se tutto fosse ormai alle spalle. Essere riuscito a superare questo scoglio è per me un'enorme soddisfazione, sia come come pilota che come uomo! Oggi posso dire che l'incidente, che mi è quasi costato la vita, è stato superato completamente. Questa è la soddisfazione più grande che posso ricavare dai tre giorni di test in Malesia!”

“Non sarò in Malesia”

Biaggi, che con l'inizio del Campionato del mondo MotoGp riprenderà il suo lavoro al box come team owner del Max Racing team, con la voglia di puntare al titolo, riceverà dalla Dorna, durante il Gp del Mugello, il riconoscimento di “Leggenda della MotoGP”.

Per il resto, proseguendo nel suo lungo post, chiarisce a tutti che non farà da test driver per la Casa di Noale: ”Volevo essere io il primo a dirvi che non sarò in Malesia per i test della MotoGP. Alcuni particolari eventi accaduti, hanno permesso a tutti noi di formulare una serie di ipotesi, ma con molta serenità devo dirvi che un eventuale test non è mai stato pianificato né da Aprilia né da me”.

Caso Iannone: la FIM ha fissato la data dell'udienza