È stata una serata molto importante per la Casa di Borgo Panigale quella che si è appena conclusa a Palazzo Re Enzo in Piazza Maggiore a Bologna con la presentazione della nuovissima Desmosedici GP20.

All'appello non mancava nessuno e oltre al team 2020 formato da Andrea Dovizioso e Danilo Petrucci, a parlare di come la Ducati stia crescendo in tutto il mondo è stato l'amministratore delegato Claudio Domenicali.

Ducati nel mondo

“Per noi le corse rappresentano una parte importante di Ducati - ha spiegato Domenicali - e per questo siamo molto performanti e vogliamo continuare ad esserlo e ad investire nel mondo delle corse. I nostri valori, come marchio a livello mondiale, sono la libertà e la democrazia e vogliamo riuscire a difendere questi valori nel mondo. Ducati considera il settore corse il più avanzato. Il campionato è stato fondato nel 2002 ma Ducati è l’unica azienda italiana, e anche l’unica europea, a vincere gare in MotoGP, insieme alle Case giapponesi. Tutto questo non sarebbe stato possibile senza, non solo lo sforzo nostro, ma anche senza il supporto che tutti i partner la maggior parte dei quali sono qui ci danno per poter continuare in questa attività. La Ducati è un'azienda importante, un'azienda di 1600 persone, un'azienda di 700 milioni di euro di fatturato ma che non potrebbe mai competere direttamente con i colossi giapponesi se non fosse per il supporto di tutti i partner che sono qui stasera”.

Sul team MotoGP

Anche nel 2020, la squadra di Borgo Panigale schiererà la coppia di piloti composta da Andrea Dovizioso e Danilo Petrucci. Due piloti che hanno grandi ambizioni per i Mondiale 2020, dove il vicecampione del Mondo punta a battere il rivale Marc Marquez, mentre "Petrux" è intenzionato a migliorare quanto fatto lo scorso anno.

E dal palco della presentazione, Domenicali non risparmia parole positive sul team Ducati e i suoi due alfieri: ”I nostri successi e le nostre performance sono dovute ad Andrea e Danilo, siamo fortunati ad avere due piloti italiani così veloci”.

MotoGP: la Ducati apre il valzer delle presentazioni 2020