Prima giornata di test da dieci e lode per Franco Morbidelli: il portacolori del team Yamaha Petronas SIC ha concluso con il secondo tempo, a soli 51 millesimi da suo compagno di squadra Fabio Quartararo.

Subito veloci


“Abbiamo girato molto e abbiamo allungato lo stint della mattina, continuando a girare fino a dopo le due…”, spiega Morbidelli. “È stata una mozza azzeccata perché dopo la pausa ha cominciato a piovere e nel tardo pomeriggio le condizioni non erano come questa mattina, ma erano un po’ particolari.

“È andata molto bene, siamo stati molto veloci fin da subito, dobbiamo continuare il nostro programma di lavoro in questa maniera, e cercare di fare il nostro lavoro con serenità e dare il massimo”, ha aggiunto Morbidelli.

Il pilota italo-brasiliano ha girato con la moto 2020, ma non ha sentito una gran differenza.

“La moto non è molto diversa da quella vecchia, però le differenze sono in positivo, e questo è buono”, ha tagliato corto il "Morbido".

Uno step avanti per tutti


Positivo anche il riscontro sui nuovi pneumatici Michelin.

“I pneumatici nuovi sono diversi e secondo me vanno meglio, però io oggi avevo gomme nuove e moto nuova, quindi sono sono partito da un foglio bianco. Però già l’anno scorso quando provavamo questo tipo di pneumatici il risultato era sempre migliore rispetto a quelli vecchi. Abbiamo trovato più grip, quindi ci aiuta perché va a colmare quello che ci mancava un po’ l’anno, scorso. Però è uno step avanti per tutti, se abbiamo più grip noi, lo hanno anche altri”, aggiunge Morbidelli.

Dunque il primo giorno di lavoro restituisce sensazioni positive a Franco Morbidelli.

“Oggi posso andare a letto sereno, non tranquillo ma comunque contento del primo giorno di lavoro, perché finire nei primi cinque è sempre positivo e oggi ho finito secondo a 51 millesimi, quindi sono sereno”, conclude il "Morbido".

Test Sepang, Rossi: “Siamo già competitivi, ma…”