Quello che doveva essere un giorno felice per Aprilia con la presentazione della nuova RS-GP 20, si è rivelato motivo di litigi all'interno del box con Aleix Espargarò che dopo la fine della prima giornata di test ha detto di essere arrabbiato con il collega Andrea Iannone per quanto affermato durante la presentazione della squadra di Noale.

La vicenda


Il pilota di Vasto, ancora sospeso a causa del caso doping nel quale è rimasto coinvolto, durante la presentazione Aprilia che si è svolta in Qatar aveva affermato che la RS-GP 20 era stata fatta seguendo le sue istruzioni.

Questo non è andato affatto giù al catalano Aleix Espargarò, in Qatar in questi giorni per i test ufficiali MotoGP che a Dazn ha detto: ”Sappiamo com'è Andrea, gli piace essere al centro dell'attenzione, ma penso che sia stato irrispettoso non solo verso di me, ma nei confornti di tutto il team e dei miei ingegneri perché ho lavorato per quattro anni ad Aprilia, chiedendo questi cambiamenti e, ovviamente, non mi sembra giusto quello che ha detto".

“Ognuno avrà ciò che merita”


Espargarò è andato avanti nel suo discorso: ”Tutto ciò che ha provato all'inizio dell'anno – dice riferendosi ancora a Iannone - lo ha scartato, finendo la stagione 2019 con le mie impostazioni sulla moto. Nel 90% delle sessioni è finito dietro di me, quindi mi è sembrata una grande mancanza di rispetto, ma io faccio la mia vita, tranquilla, con la mia famiglia, allenandomi duramente. Ognuno avrà ciò che si merita in futuro".

Ufficiale: Savadori resta in Aprilia tra MotoGP e CIV