In una situazione di emergenza come quella di adesso, anche il Circuito del Mugello ha deciso di dare il suo aiuto alla sanità della Regione Toscana con delle attrezzature in possesso al Centro medico del tracciato.

I macchinari


Nello specifico, si tratta di un respiratore automatico con relativo monitor ed ecografo che è stato dato dall’Autodromo all’Ospedale del Mugello di Borgo San Lorenzo, mentre la strumentazione per un secondo letto di rianimazione insieme a quattro defibrillatori è andata al Policlinico Careggi di Firenze.

“Un piccolo gesto”


Abbiamo segnalato immediatamente la nostra disponibilità al sindaco di Scarperia e San Pietro Federico Ignesti. - Ha detto, nelle parole riportate da Repubblica, l’Amministratore delegato del circuito Paolo Poli - In un momento di difficoltà come quello attuale, gli sforzi di tutti devono concentrarsi verso l’unico obiettivo di dare una risposta immediata all’emergenza. La disponibilità delle apparecchiature di rianimazione già presenti nel centro medico dell’autodromo è un piccolo gesto a sostegno dello straordinario contributo di professionalità fornito da tutti gli operatori del sistema sanitario, che vegliano sulla nostra salute”.

Simone Corsi: “Impossibile avere una data certa d’inizio”