Per la serie “non si ricordano i giorni, si ricordano gli attimi”, oggi andremo a raccontarvi la vittoria a Sepang di Kenny Roberts Jr del 2000, anno in cui arrivò a vincere il titolo Mondiale nella categoria 500cc, l'unico della sua carriera di pilota. Seguendo le orme del padre, il pilota statunitense, dopo aver gareggiato nei campionati americani, nel 1993 approdò per la prima volta nel Motomondiale come wild card (Gp degli Stati Uniti), per poi prendere parte, dall'anno successivo, all'intera stagione del Campionato 250cc.

Campionato 500cc


Nella classe di mezzo ottenne, nelle due stagioni di permanenza, come miglior risultato l'ottavo posto nella classifica generale, dopodiché passò alla 500cc, trasformatasi poi in MotoGP.
Questa lunga permanenza (dal 1996 al 2007), però, gli è valsa un solo titolo iridato, conquistato nel 2000, anno in cui ottenne quattro primi posti (Malesia, Spagna, Catalogna,Motegi), quattro secondi posti e un terzo posto, per un totale di 258 punti conquistati.
In questa stagione, Roberts Jr si trovò ad affrontare piloti del calibro di Valentino Rossi, Max Biaggi e Alex Barros, riuscendo a spuntarla su tutti con un "piccolo aiuto" che gli venne dato anche dalle condizioni meteo di quel periodo.
In Malesia, Spagna, Catalogna, infatti, le gare furono disputate in due manches o accorciate rispetto alla lunghezza prevista a causa di condizioni meteorologiche molto avverse.

Malesia 2000


In ogni caso, l'americano dimostrò, al suo secondo anno in sella alla Suzuki, di saperci fare su qualsiasi tipo di asfalto e la prima vittoria dell'anno arrivò in Malesia, la seconda gara in programma della stagione 2000.
Sepang, per Kenny era stato un circuito "amico" anche nel 1999, dove riuscì a vincere nella sua gara di esordio in sella alla Suzuki, riuscendo a battere anche un Mike Doohan in gran forma, nonostante proprio in quella stagione (dopo due gare) dovette ritirarsi a causa di un bruttissimo infortunio alla gamba.
A dire il vero nel 2000, l'intero weekend malese fu il massimo per Roberts Jr: primo nelle prove libere, secondo nella prima sessione di qualifiche e ancora al comando nella seconda sessione, riuscì a mettersi tutti alle spalle conquistando la pole position.
Dietro di lui, un insidioso Loris Capirossi e un altrettanto “pauroso” Max Biaggi con il solo e comune intento di acciuffare il californiano ed aggiudicarsi la vittoria.
La domenica di gara, che venne disputata il 2 aprile 2000, fu però una di quelle dalle condizioni meteo avverse: partita in condizioni di asfalto asciutto, al 16esimo giro venne interrotta a causa della pioggia. Ad alzare il braccio per dire di interrompere la gara, mentre in quel momento si trovava al comando, fu lo stesso Roberts Jr. Dopo la consueta attesa per far si che la pioggia cessasse, alla fine la direzione gara decise di non far ripartire la corsa facendo si che la classifica finale fosse quella consolidata al termine del 15esimo giro.
A vincere fu quindi Kenny Roberts Jr, seguito da Carlos Checa e Garry McCoy. Max Biaggi arrivò quarto mentre Valentino Rossi, in sella alla Honda, fu costretto a ritirarsi dopo quattro giri a causa di un incidente.

Lo stesso anno, ovvero il 2000, fu per Roberts Jr, l'anno della vittoria del titolo, vinto matematicamente alla terzultima gara della stagione.
Il titolo costruttori, però, non andò alla Suzuki, che arrivò terza con 264 punti dietro a Yamaha e Honda.

Vent'anni fa: la prima vittoria di Garry McCoy in 500