Con il blocco del Campionato del mondo MotoGP e una ripartenza che al momento appare incerta, nuovi scenari stanno prendendo vita all'interno dei Team. Per quanto riguarda la Yamaha, dal 2021 i due piloti ufficiali saranno Maverick Vinales e Fabio Quartararo con il francese che andrà a “scalzare” Valentino Rossi. Ma se questa stagione 2020 non dovesse corrersi, quali saranno gli scenari futuri?

“Lotteremo per Fabio”


A parlare in un'intervista a TMCblog.com, riportata da Crash.net, è Razlan Razali, Team Principal della Petronas Yamaha SRT che non si dice molto convinto a lasciar andare via il suo pupillo Fabio Quartararo: ”Combatteremo per lui - ha detto -. Nel caso che il Motomondiale dovesse saltare del tutto, suppongo che nel 2021 tutti torneranno all'accordo del 2020. Insisteremo e lotteremo per Fabio per essere con noi nel suo ultimo anno con il team”.

Quartararo: “Al via del mondiale posso essere protagonista”

Scommessa vincente


Per il Team Principal Razali, infatti, il francesino rappresenta una scommessa vincente: "Siamo davvero impazienti di poter correre quest'anno - ha proseguito - per via di ciò che Fabio ha fatto l'anno scorso. Gli abbiamo procurato una moto ufficiale come quella di Rossi e Vinales e durante i test ha dimostrato di avere da subito un ottimo feeling. Quindi sappiamo che può lottare per il campionato. In effetti, il nostro obiettivo per lui è di arrivare almeno secondo, con un paio di vittorie. Quindi lo vogliamo con noi in squadra, che si tratti di una stagione completa o di 10-13 gare”.

Rossi, Lorenzo? Puntiamo sui giovani!


In ogni caso, sia che la stagione 2020 si svolga o no, per l'anno successivo ci sarà da trovare nuovi piloti. Chi ci sarà in sella alla M1 del team Petronas? Valentino Rossi? Franco Morbidelli? Chissà, niente è ancora certo: "Abbiamo alcuni piloti che stiamo osservando - ha concluso Razali -. Se Franco Morbidelli farà bene, potrebbe restare con noi, altrimenti, stiamo guardando Xavi Vierge dal nostro team Moto2, più altri due o tre piloti che stiamo osservando sempre nella classe di mezzo. Il nostro obiettivo rimane ancora quello di voler piloti giovani e di talento. Sappiamo tutti di Valentino Rossi o Jorge Lorenzo che vogliono unirsi al team senza discutere formalmente con noi, ma per noi il nostro obiettivo è di far crescere giovani piloti”.

Rossi risponde alla 102enne guarita dal Coronavirus