Ancora una volta è tempo di “social GP”, e questa volta proveremo a volare tutti insieme in Texas per il GP delle Americhe che avrebbe dovuto svolgersi domenica 5 Aprile.

Vi abbiamo chiesto, tramite la nostra pagina Facebook, quale sarebbe stata per voi la classifica finale e come si sarebbe svolta la gara, quindi, grazie al vostro contributo, proveremo a mettere in scena quello che è un dei GP più particolari della stagione.

Il vincitore


Splende il sole al COTA, e dopo una qualifica al cardioplama, che negli ultimi secondi a disposizione ha visto lo spagnolo Marc Marquez spuntarla di soltanto 3 decimi su Maverick Vinales, la gara di oggi è stata un tributo di sorpassi con un finale che nessuno si sarebbe mai aspettato.

Dopo un 2019 in cui a trionfare era stato Alex Rins, e dopo sei anni (dal 2013 al 2018) di dominio incontrastato di Marc Marquez, a sorpresa il 2020 ha regalato la vittoria ad un altro pilota, Valentino Rossi.

Il nove volte campione del mondo, che non vinceva in sella alla Yamaha dal 25 giugno 2017 (GP di Assen), è riuscito a portare a casa il primo gradino del podio andando a vincere davanti al pilota Yamaha Petronas Fabio Quartararo e a Marc Marquez.

La gara


Se lo spagnolo della Honda partiva infatti dalla pole position, un inizio in salita e un duplice contatto con Maverick Vinales e Fabio Quartararo (rispettivamente secondo e terzo in griglia) alla prima curva, gli hanno fatto perdere ben 5 posizioni che, è riuscito solo in parte a recuperare.

Dal duello a tre, è riuscito quindi ad approfittarne Dottor Rossi che, mentre i suoi rivali “se le davano” di santa ragione è salito in testa riuscendo, giro dopo giro, a guadagnare un po' di margine.

Brutta la caduta per Maverick Vinales alla curva 12 del settimo giro: mentre cercava di rimettersi in lizza per le posizioni di rilievo, ha perso il controllo della M1 complice la gomma posteriore, che lo ha sbalzato in avanti. Per lui, portato al centro medico in via precauzionale, soltanto qualche graffio.

Bene le Ducati


La gara è proseguita con una bagarre serrata tra il pilota Suzuki Alex Rins e quello Ducati Andrea Dovizioso con il primo che è riuscito ad arrivare quarto davanti all'alfiere di Borgo Panigale.

Tra le Ducati che sono riuscite ad entrare nella top ten, su un circuito che nel 2019 si era rivelato "amico" , anche Jack Miller (Ducati Pramac) arrivato quinto e Danilo Petrucci arrivato ottavo.

Alex Marquez centra la prima top ten


Nel panino delle Desmosedici si è invece piazzato l'altro pilota Suzuki Joan Mir, mentre hanno chiuso la top 10 il pilota KTM Pol Espargarò, nono, e Alex Marquez che in questa stagione ha portato a casa il suo miglior risultato, segno di un sempre migliore adattamento con la RC213V. 

Lo sconforto di Ezpeleta: “La MotoGP potrebbe non correre nel 2020”