“Ogni giorno, fortunatamente, la situazione migliora un po’. Io resto a casa e cammino solo nel mio giardino”. A dirlo è Giacomo Agostini, in un’intervista rilasciata al giornale spagnolo As, che sta osservando la quarantena nella sua casa nei pressi di Bergamo. In queste giornate così lunghe “Ago” ha trovato qualcosa da fare: “Mi sono messo a guardare le gare vecchie e anche quelle recenti, di quelle in cui vincevano sia Valentino sia Maquez e sarebbe fantastico se tutti e tre corressimo insieme”. In questa speciale sfida chi avrebbe la meglio? Non ha dubbi: “Vincerei io! Rossi e Marquez perderebbero contro di me e sarebbe un bel problema per loro” ha scherzato.

CAMPIONATO 2020? PRIMA LA SALUTE POI LO SPORT

Il campionato di MotoGP 2020 non è ancora iniziato e il 15 volte iridato ha detto la sua: “Spero si parta a fine luglio, così ci saranno le gare nei mesi di agosto, settembre, ottobre e novembre. Con otto, nove o dieci gare si può fare un campionato del mondo. Quando correvo c’erano alcune stagioni che andavano così e si assegnava il titolo. Però ora non bisogna avere fretta. La salute viene sempre al primo posto, poi dopo c’è lo sport”.
E come passa Ago queste giornate?Sto preparando un album fotografico con 2mila foto. Ho preparato anche una stanza con tutti i trofei e do una pulita alle mie moto. In casa ne ho solo una dozzina perché le altre sono nel museo. Quelle che arrivano dal mondiale sono solo tre: la MV Agusta della 500, la MV Agusta e la Yamaha della 350 con cui ho vinto nel 74, e la moto con cui ho vinto a Daytona”.

Gresini: “Sulla stagione MotoGP non ci sono certezze”