Il Ceo Dorna Carmelo Ezpeleta sta cercando in tutti i modi di salvare il Campionato del Mondo MotoGP 2020, ma i vari slittamenti che di giorno in giorno vengono comunicati da parte dei circuiti di tutto il mondo, sembrano mettere a rischio questa stagione. L'ultimo rinvio in ordine di tempo è stato quello del GP della Germania che avrebbe dovuto corrersi il 21 giugno e adesso, nel mirino, ci sarebbe il GP di Assen in programma il 28 dello stesso mese.

Ecco che quindi, Ezpeleta, ha parlato al programma Radioestadio del Motor su Onda Cero in merito ad uno scenario plausibile per il Motomondiale: “ottimisticamente - ha detto – si potrebbe iniziare a correre ad agosto a Brno”.

I vari scenari possibili


Ad oggi, con la pandemia ancora in corso, il CEO Dorna ha in mente tre possibili scenari di come potrebbe evolversi la situazione per far ripartire la MotoGP: “La prima cosa è che questa pandemia finisca – ha spiegato – e che tutti stiano bene, poi sarà possibile capire dove e quando potremo spostarci e viaggiare e quindi correre”.

Quindi le varie opzioni:“L'ipotesi più ottimista - ha proseguito - è quella di tornare a viaggiare a metà luglio e quindi iniziare a correre a Brno e in Austria ad agosto”.

Sarà possibile? Chi lo sa. La seconda opzione, intanto, prevede uno scenario post estate: “In alternativa, si potrebbero correre tra i 10 e i 12 Gran Premi e guardare le leggi di ogni paese nel caso in cui si possano tenere eventi con o senza pubblico. Questo scenario riguarderebbe i mesi di ottobre, novembre e dicembre. Per adesso non è il caso, ma potrebbe rivelarsi una Coppa del Mondo anche di sole 8 gare”.

Tutte le gare su 2 o 3 circuiti


Infine, l'ultima ipotesi: “Lo scenario peggiore - è andato avanti Ezpeleta - sarebbe di correre a novembre, scegliendo 2 o 3 circuiti e fare tutto lì. Probabilmente anche senza un pubblico.” Tra i circuiti coinvolti in questa “maratona” potrebbero esserci Jerez, Montmelo, Aragón e Valencia.

"Naturalmente - ha concluso il Ceo Dorna - stiamo riflettendo anche su cosa accadrebbe se la Coppa del Mondo venisse del tutto annullata. Sarebbe da stupidi non pensarci. Sarebbe un duro colpo economico per Dorna, ma in questo momento non ci stiamo muovendo in quello scenario. Secondo me riusciremo a fare gare nel mese di agosto”.

BSB, ipotesi naked: si lavora alla nuova categoria