Dopo il rientro nella sua abitazione di Lugano, Jorge Lorenzo è stato intervistato dalla trasmissione radiofonica spagnola El Larguero nella quale ha parlato del suo ex compagno di squadra Marc Marquez e del nuovo arrivato in Honda Alex Marquez.

L'occasione, però, è stata propizia per parlare anche di un possibile rientro in pista per il maiorchino che in questo 2020 avrebbe dovuto correre come wild card a Montmelò, ma che causa coronavirus non potrà farlo. Quale sarebbe quindi la pista preferita di Jorge dove fare da wild card nel momento in cui la stagione MotoGP 2020 dovesse partire?

Nuove possibili wild card


“Non abbiamo parlato ancora di questo con Yamaha, - ha spiegato il collaudatore della Casa di Iwata - dato che tutti stiamo attraversando un periodo molto difficile. Ma se dovessi scegliere mi piacerebbe correre a Misano, uno dei miei circuiti preferiti, così come a Motegi. Qui ho vinto diverse volte in passato”.

“Marc Marquez imbattibile? No!”


L'attenzione si è spostata poi su Marc Marquez, con il quale Jorge ha condiviso il box nella stagione 2019: ”Ora come ora devo dire che Marc è superiore a tutti gli altri piloti, su diversi piani. Questo però non vuol dire che sia imbattibile, infatti io nel 2015 sono riuscito a sconfiggerlo e nel 2017 c'è quasi riuscito anche Andrea Dovizioso, nonostante nessuno se lo aspettasse. Quartararo è un pilota che in futuro potrebbe riuscirci, per ora non ha vinto gare ma c'è andato vicino. Stessa cosa per Maverick Vinales che è sempre più a suo agio con la Yamaha”.

“Alex Marquez? Sarà dura adattarsi alla Honda”


Quindi, l'attenzione si è concentra su quello che è stato il suo diretto sostituto in Honda, ovvero Alex Marquez, in arrivo dalla Moto2 dopo che nel 2019 è riuscito a conquistare il titolo iridato: “Sicuramente ha delle doti e anche un buon insegnante. - ha proseguito Jorge - Adattarsi alla Honda non sarà facile gli ci vorrà pazienza e continuità, penso che gara dopo gara riuscirà a migliorare sempre di più. In ogni caso, tra i due fratelli Marquez al momento non c'è rivalità, Marc è a livello dieci mentre Alex a livello cinque o sei”.

“Il rivale di sempre? Forse Rossi”


Infine, la domanda più difficile alla quale rispondere, quella sugli avversari che ha dovuto affrontare durante la sua carriera di pilota: “E' difficile, ma forse la rivalità più grande – ha concluso - è stata quella con Valentino Rossi nel 2009. Con lui, ma anche con Dani Pedrosa e Marc Marquez ho avuto rivalità molto accese, ma non ho mai odiato nessuno di loro”.

Nuovo flirt per Iannone? Spunta il nome di Cristina Buccino - FOTO