Soltanto alcuni giorni fa il managing director Yamaha Lin Jarvis aveva parlato di Valentino Rossi e del suo possibile futuro , ed ecco che ad intervenire in un'intervista a Crash.net è stato il team principal Petronas Razlan Razali. Per quanto tempo è possibile, quindi, attendere la decisione di un pilota?

Ad oggi nessun messaggio


“Continuo a controllare il mio telefono ogni giorno - ha detto Razali - e fino ad ora non ho visto nulla! Spero che Valentino mi invierà almeno un messaggio su WhatsApp o qualcosa del genere”.

Il team principal, dopo una battuta ironica parla con serietà: Per adesso non lo abbiamo sentito, quindi continuiamo a tenere un'opzione aperta per lui. Se deciderà di essere dei nostri, di certo non gli chiuderemo le porte e non lo ignoreremo. È un nove volte campione del mondo e ha molto peso in termini di marketing. Ma dobbiamo davvero capire il tipo di accordo da prendere, che cosa vorrà fare".

Capovolgimenti tra team


Ovviamente, Yamaha Factory ma soprattutto Yamaha Petronas dovranno capire se Dottor Rossi vorrà portare con sé tutto il suo “pacchetto” di tecnici, compreso il capotecnico David Munoz. Queste scelte ricadranno a sua volta anche su Fabio Quartararo che, dal 2021, prenderà proprio il suo posto al team ufficiale.

Non resta che attendere: intanto, è da capire, con altre gare annullate proprio nella giornata di oggi, se questa stagione 2020 verrà corsa e in che modo, per il resto sembra che fino a giugno Valentino non si pronuncerà. Razali dovrà attendere ancora un po' l'sms di Rossi.

MotoGP: Iannone contestato per lo scatto sulla Mercedes G63 AMG