Dal virtuale al reale, Vinales festeggia a suon di spumante

Dal virtuale al reale, Vinales festeggia a suon di spumante

Il pilota Yamaha che ieri ha vinto il Gp virtuale di Jerez non ha potuto fare a meno di festeggiare come da tradizione

L'utima volta che è salito sul podio era nel 2019 in Malesia, dove Maverick Vinales portò la Yamaha alla vittoria davanti a Marc Marquez ed Andrea Dovizioso.
In quell'occasione il pilota di Figueres festeggiò sul podio insieme ai suoi avversari con lo spumante e anche ieri, seppur si trattava soltanto di una gara virtuale, lo spumante è sgorgato ugualmente come tradizione vuole.

Umore alle stelle


Vinales non avrebbe potuto festeggiare diversamente la sua prima vittoria arrivata nella terza gara virtuale di questa stagione che si è svolta sul circuito di Jerez. Il tutto grazie al gioco della MotoGP 2020 che assomiglia in modo maniacale alla realtà.
Ma al contrario della realtà, ahimè, i piloti non sono potuti salire sul podio, né tanto meno festeggiare.
Ecco che quindi Maverick ha fatto da solo: dopo la gara è andato nel terrazzo di casa sua ed ha stappato una bottiglia di spumante, shakerandola e irrorando l'intero terrazzo.
“L'umore quando vinci il tuo primo Gp virtuale” – ha scritto lo spagnolo di corredo al video nel quale è apparso molto felice di questo suo risultato.

 

 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram

The mood when you win your first Virtual @MotoGP Race #VirtualSpanishGP @motogpesport - @two_wheels_for_life | #MotoGP | #MonsterYamaha | #12gang

Un post condiviso da Maverick Viñales (@maverick12official) in data:

Una motivazione più grande dietro la gara


La gara virtuale, è stata la terza di questa stagione e sul podio insieme a Vinales sono saliti anche Alex Marquez e Francesco Bagnaia, i due giovanissimi piloti che nella prima e seconda manche avevano dimostrato di essere quelli più in forma e bravi ad utilizzare il joypad.
Alla fine dei 13 giri che i piloti hanno avuto a disposizione, Maverick ha espresso tutta la sua soddisfazione per la vittoria, ricordando che la gara è stata anche un evento di beneficenza in favore di Two Wheels for life, andando a raccogliere denaro per aiutare le persone in Africa che in questo momento stanno lottando contro il coronavirus.

  • Link copiato

Commenti

Leggi motosprint su tutti i tuoi dispositivi