Il Gran Premio di Jerez, in teoria si sarebbe dovuto correre il 3 maggio 2020, in pratica, come anche per le altre gare è stato rimandato.

Per non far sentire soli tutti i fan del Motomondiale, però, è stata organizzata la gara virtuale mentre, da parte nostra, come sempre tramite i social network vi abbiamo chiesto di dirci la vostra opinione su come sarebbe andata la gara.
Ecco quindi il terzo capitolo del GP social che ha visto i piloti impegnati, o meglio immaginati sul circuito di Jerez de la Frontera.

“El Diablo” alla sua prima vittoria


La caldissima domenica spagnola, con un cielo coperto che ha reso l'aria ancora più umida, ha regalato uno spettacolo di alto livello per la classe regina.

Se nel 2019 a vincere era stato Marc Marquez davanti ad Alex Rins e Maverick Vinales, questa volta a detronizzare il pilota Honda c'ha pensato Fabio Quartararo che, portando a termine una gara davvero perfetta sotto ogni punto di vista, è riuscito a centrare la sua prima vittoria in MotoGP.

Marc Marquez, quindi, rimasto beffato a pochi giri dalla fine e con le gomme troppo consumate per riuscire a rispondere all'attacco del francese, ha dovuto tirare i remi in barca e accontentarsi del secondo posto. Lo spagnolo otto volte campione del mondo, è rimasto incastrato nel panino delle Yamaha, con El Diablo davanti e Maverick Vinales portacolori del team ufficiale, in terza posizione.

La classifica


Questa volta, al contrario della passata stagione in cui Dovizioso e Petrucci erano riusciti ad arrivare rispettivamente quarto e quinto, i due piloti Ducati sono rimasti a guardare... Chi? Jack Miller, alfiere del team Ducati Pramac che è riuscito a centrare la quarta piazza diventando la Desmosedici più veloce della gara, mentre Andrea e Danilo si sono dovuti accontentare del nono e decimo posto. In quinta e sesta posizione, invece, è arrivato il duo delle Suzuki, questa volta con Joan Mir davanti e Alex Rins dietro. Lo spagnolo con il numero #42 ha faticato non poco durante tutto il weekend e complice la caduta nelle FP3 non era proprio al top della forma.

A rientrare nella top ten è stato anche il pilota Aprilia Aleix Espargarò piazzatosi settimo davanti ad Alex Marquez.
Per il fratello minore dei Marquez, che nel 2019 in Moto2 era stato coinvolto in un incidente con Remy Gardner dovendo così rinunciare ai sogni di gloria, l'ottavo piazzamento è stato il migliore fino ad oggi.

Alex Marquez: “Il team Petronas ha preferito Quartararo a me”

Gli esclusi


Da segnalare l'undicesimo posto di Valentino Rossi e il tredicesimo di Franco Morbidelli, che scattava dalla settima piazza ma che, per un contatto con Mir alla prima curva ha perso diverse posizioni senza riuscire a recuperarle durante la gara.

Tra i piloti che non sono riusciti a tagliare il traguardo causa caduta, Johann Zarco in sella alla Ducati Avintia e l'alfiere KTM Tech 3 Iker Lecuona.

Rossi: “Sogno la MotoGP delle nazioni come nel motocross”