Il campionato Mondiale di MotoGP 2020 potrebbe finalmente partire dal circuito di Jerez, in Andalusia (Spagna), a fine luglio, a porte chiuse. La notizia è fresca, infatti nella mattina di oggi, giovedì 07 maggio, Carmelo Ezpeleta, CEO di Dorna, il vicepresidente della Giunta di Andalusia, Juan Marín e il sindaco di Jerez, Mamen Sánchez, sono riusciti a raggiungere un accordo in videoconferenza, per disputare due Gran Premi del Mondiale: il primo fissato per il 19 luglio con il nome di Gran Premio di Spagna, e il secondo in programma il 26 luglio, chiamato GP di Andalusia.  

Inoltre è stato annunciato che ripartirà anche il campionato di Superbike e l'appuntamento si terrà sempre sul circuito di Jerez il 2 agosto.

Martin ha dichiarato: “Siamo arrivati ad un accordo per disputare due prove del campionato Mondiale il 19 e 26 luglio e una della Superbike nei giorni successivi . A partire da questo momento dobbiamo trasmettere al governo spagnolo la richiesta di poter fare tutto il possibile per poter garantire la sicurezza e la salute di tutti i partecipanti. È una magnifica notizia e vogliamo ringraziare il Comune perché sappiamo lo sforzo che hanno fatto per organizzare questo evento, così come Dorna per aver riposto in noi la propria fiducia”.

Trovato l'accordo tra le parti, non resta che attendere l'approvazione del govarno spagnolo, che permetterà ai due campionati di riaccendere, finalmente, i motori.

Rossi: “Sogno la MotoGP delle nazioni come nel motocross”