Durante una intervista video in onda su Sky Sport MotoGP, Marc Marquez ha risposto a domande degli appassionati da casa e dai giornalisti in studio.

Dopo aver precisato come la spalla in primis lesa stia guarendo, dettosi soddisfatto del risultato ottenuto nella Virtual Race, sono arrivate le preguntas, diverse una dall'altra, con temi a variare dalla vita privata alla pista.

Divertenti alcune questioni, prontamente soddisfatte dal campione in carica:Se mi piacerebbe avere una fidanzata italiana? Bè, diciamo che ho già frequentato una ‘amica’ italiana, perciò... mai dire mai”. Intriganti altre:Come mi potrei sentire se mio fratello Alex vincesse il titolo con la mia stessa Honda? Preferirei che ci riuscisse lui e non altri avversari”.

Provocatorie alcune domande: “Mi chiedi come mai io cada poco? In realtà sono uno dei piloti che scivola di più. A volte rimango in sella con l’aiuto del gomito, a volte, invece, non ci riesco”.

Inoltre, il catalano HRC ha toccato temi piuttosto caldi. Per esempio, il contratto rinnovato con il team Repsol: Ho firmato per ben quattro anni, una cosa mai fatta prima. L’idea è stata di Honda, io ci ho pensato, capendo che si trattasse di una soluzione veramente interessante, conveniente. L’obiettivo comune è di vincere il più possibile, lavoriamo proprio per questo”.

Ha avuto Marc proposte alternative? Certo, seppur celate. Ma radio paddock ha muri che cantano:Massì, tanto le voci girano, perché nasconderle? Mi hanno cercato altre Case, ho declinato le offerte. In particolare, si è fatta avanti Ducati, però io sapevo che Honda mi avrebbe dato il meglio, intendo dire, il meglio per me. Cioè, per vincere. Ecco perché, malgrado l’interesse palesato da Ducati, io e i vertici della Rossa non abbiamo mai parlato. Sapevo che in HRC avrei avuto una migliore condizione complessiva, parlando di ogni aspetto legato alla MotoGP. Ero convinto della scelta fatta".

Marquez: “Ho sentito la Ducati, ma il mio cuore è in Honda”

I rivali, praticamente tutti nella Top Class. MM93 li descrive con il sorriso, come sempre fa:Valentino continua a correre, ciò è molto positivo per la MotoGP e per tutti noi. Sta facendo qualcosa di incredibile, lo ammiro tanto. Certo, anche se Lorenzo tornasse sarebbe bello, lui è forte e ancora veloce. Come Rossi, del resto”.

Appunto, il pluri iridato ammira i colleghi a due ruote:Sì, apprezzo parecchi piloti. Ho notato che Quartararo abbia portato qualcosa di nuovo alle gare, si impara da lui. Dovizioso ha un modo di correre davvero notevole, anche da Andrea si può imparare. Cito ancora Rossi. A quarant'anni è ancora in MotoGP, è protagonista, un esempio per tutti”.

MotoGP, mercato piloti: ecco le opzioni Ducati