Petrucci dal 2021 non sarà più un pilota ufficiale Ducati. Anche se la Casa di Borgo Panigale ancora non ha dato l'ufficialità, il pilota ternano, in un'intervista fatta a TGR Umbria ha detto che il loro rapporto di lavoro “non continuerà”.

La notizia era già nell'aria da giorni, da quando Jack Miller aveva annunciato la firma del contratto proprio con la rossa bolognese per il 2021. C'era però il dubbio su chi, tra Andrea Dovizioso e Danilo Petrucci, il pilota australiano andasse a prendere la sella. Dubbio che Danilo ha fugato.

“Vorrei restare in MotoGP”


“La Ducati ha deciso di non continuare il nostro rapporto”, ha detto Petrucci ai microfoni di TGR Umbria dopo l'allenamento con la moto da cross svolto sul tracciato di Gioiella a Castiglione del Lago. “E' chiaro dispiace molto - ha proseguito Petrux - ma il mio obiettivo è quello di rimanere e correre in MotoGP.”

Nonostante il toto scommesse, quindi, Danilo vorrebbe continuare a correre in MotoGP e non emigrare dai cugini della Superbike, anche se le selle libere nel Motomondiale, iniziano già a scarseggiare.

Un anno fa la vittoria al Mugello


Il ricordo del pilota ternano torna quindi allo scorso anno, quando il 2 giugno andò a vincere il GP del Mugello su Marc Marquez ed Andrea Dovizioso: ”Solo un anno fa vincevo e quindi vorrei continuare a vincere ancora. Ringrazio Ducati per l'esperienza, c'è ancora quest'anno da correre in cui possiamo toglierci delle grandi soddisfazioni ancora in MotoGP, quindi sono fiducioso e spero che cominci presto”.

Ripresa degli allenamenti


In attesa che il Campionato MotoGP possa partire, in teoria dal 19 luglio, Petrucci che è dovuto rimanere lontano dai circuiti come tutti i suoi colleghi, ha ripreso gli allenamenti in pista, anche se per adesso con la moto da cross: ”Siamo stati autorizzati dalla Federazione per venirci ad allenare - ha concluso - e questo è molto buono anche perchè non ero mai stato per un periodo così lungo lontano dalle moto, più di due mesi senza guidare”.

Virtual GP: vittoria da wild card per Lorenzo nella gara di Silverstone