Marc Marquez è il campione del mondo in carica, è imbattuto da diverse stagioni, ed è logico che sia il rivale da battere per tutti. Così è anche per Suzuki, come ha dichiarato nei giorni scorsi il team manager della squadra Davide Brivio.

Ora anche Alex Rins conferma la sua rivalità con il connazionale della Honda, ma aggiunge un elemento importante in più: la consapevolezza di essere considerato un avversario ingombrante da parte del campionissimo Marc Marquez.

“Una rivalità molto alta”


"Marc per me è l'uomo da battere", ha detto Alex Rins in episodio di “A Sit Down With” in streaming su MotoGP Live: A Sit Down With. "La rivalità è molto alta. Già nel 2019, ho condiviso diversi momenti in pista con lui e, sicuramente, quando vince o finisce davanti a me, io mi arrabbio un po’. Voglio batterlo, ma è anche così per lui. Ricordo a Silverstone quando l'ho battuto, era così arrabbiato, molto arrabbiato", ha dichiarato Rins.

Quella volta a Brno…


In particolare, il due volte vincitore in MotoGP Alex Rins ha individuato nel secondo turno di qualifiche del GP della Repubblica Ceca il momento in cui Marquez ha iniziato a "considerarlo come un rivale".

“Marc gioca molto con tutti i piloti a livello mentale”, ha aggiunto Rins. “Stavo facendo un giro veloce, lui si è guardato alle spalle e mi ha visto, ha aperto la sua traiettoria ma non troppo. Io ero sulla linea asciutta e l'ho toccato. Ho perso il mio giro ma ok, ho continuato a spingere. Alla fine, all'ultima chicane di Brno, prima di andare a sinistra mi ha sorpassato avvicinandosi molto, ci siamo quasi toccati, e poi è entrato nel box. In quel momento ho capito che Marc mi considerava un rivale”.

La rivalità sarebbe poi cresciuta quando, due settimane dopo, al GP di Silverstone, Rins ha avuto la meglio sull’otto volte campione del mondo nell'ultima curva di Silverstone. Un episodio che avrebbe fatto infuriare Marc Marquez, secondo quanto riferito da Rins.

"Mi piace perché significa che sto facendo un buon lavoro”, ha aggiunto Rins. “Marc è un pilota incredibile, ha vinto molte gare, e molti titoli e se sta pensando a me come un rivale, significa che posso combattere con lui ".

Petrucci saluta Ducati: “Hanno deciso di non continuare il rapporto”