Jorge Lorenzo sta facendo molto parlare di sé in questi giorni: non più tardi di ieri ha dichiarato che se ricevesse una proposta da un team vincente sarebbe disposto a tornare a correre, e ora ha rilasciato delle dichiarazioni a proposito del fatto che quest’anno nel Motomondiale non ci sarà nessuna wild card.

La decisione, presa a causa della pandemia, ha impedito a Jorge Lorenzo di disputare qualche Gran Premio, come si era prefissato, in accordo con Yamaha ufficiale. Il primo appuntamento per il maiorchino sarebbe stato quello di Jerez.

"Sollevato ma dispiaciuto"


Lo spagnolo ha ammesso di essere “Un po’ sollevato” dal fatto di rimandare il suo ritorno ufficiale con la Yamaha perché preferisce assicurarsi di essere competitivo, ma al contempo si è dichiarato impaziente di tornare a competere con la M1

"Da un lato sono triste perché volevo davvero fare questa gara, ma dall’altra sono un po’ sollevato perché arrivando a quel GP senza aver fatto nessun test prima, non credo che sarei stato molto competitivo”, ha detto Jorge Lorenzo durante l’Instagram Live dopo la vittoria al Virtual British Grand Prix di domenica scorsa.  

Aspettando il prossimo test


Non penso che sarebbe stata una buona idea andare direttamente in pista per affrontare un Gran Premio da wildcard”, ha aggiunto Lorenzo.

Ho bisogno di capire quando sarà il prossimo test. Yamaha sta studiando dove e quando sarà possibile svolgere la prossima sessione di prove. Ho visto che pochi giorni fa KTM stava testando sulla pista dello Spielberg quindi spero che presto sia possibile fare un test anche per noi, magari a Motegi o su un’altra pista.

Spero di poterlo fare perché mi sono divertito molto con la mia moto a Sepang, sono stati davvero dei bei giorni, mi è piaciuto tornare a lavorare con la mia squadra e non vedo l’ora di rifarlo”, ha concluso Lorenzo.

Rossi: “Passai in Yamaha per dimostrare di essere forte”