Il mercato piloti MotoGP ha subito un vero scossone con le indiscrezioni che vorrebbero Pol Espargaro in Honda nel 2021 (del resto lui stesso lo aveva velatamente anticipato), e se queste fossero vere (pare manchi solo la firma) di conseguenza si scatenerebbero alcuni cambiamenti. In primis ci sarebbe Alex Marquez senza una sistemazione per la prossima stagione e facendo queste considerazioni viene automatico pensare a un suo possibile approdo al team LCR.

Crutchlow svela i trucchi di Marc Marquez

La parola a Cecchinello


Entrambi i piloti della squadra guidata da Lucio Cecchinello, ovvero Cal Crutchlow e Takaaki Nakagami, sono in scadenza di contratto e il manager al sito motogp.com ha dichiarato: “Cal ha avuto un importante infortunio in Australia, alla fine del 2018, e considero normale che dopo quanto accaduto ha considerato che forse il 2020 poteva essere il suo ultimo anno in pista. Alla fine del 2019 però ha iniziato a dirmi che gli sarebbe piaciuto fare un altro anno. Adesso l’esperienza del lockdown gli ha dato la possibilità di capire che la vita senza gare potrebbe essere molto noiosa, soprattutto adesso che è competitivo, è difficile fermarsi. È quindi possibile che decida di rinnovare il suo contratto per la prossima stagione. Ci sono delle trattative tra Crutchlow e HRC, nelle quali io non sono coinvolto direttamente perché Cal è un pilota HRC, ma lato mio sono molto più che felice di poter continuare a lavorare con lui”.

Crutchlow: “Il TT? Mi piacerebbe, ma poi dovrei divorziare”

E Nakagami?


“Anche lui è in scadenza di contratto" ha continuato Cecchinello riferendosi al pilota giapponese. "Confidiamo nel fatto che Honda prenderà seriamente in considerazione la possibilità di rinnovare anche il suo contratto, perché se lo merita davvero. Ha fatto un grande passo in avanti nel suo stile di guida, nella sua competitività. Da parte nostra gli daremo l'opportunità, ma ovviamente il rinnovo potrebbe dipendere anche dai suoi primi risultati del 2020”.

Crutchlow: "Miller può battere Marquez”