Rossi-Petronas: sarà questo il futuro del Dottore? Secondo i nostri lettori sì, perché la maggioranza di risposte al nostro sondaggio ha previsto il matrimonio di Valentino Rossi con il team satellite di Yamaha per il 2021.

Ora dal patron del team Petronas SRT arriva la conferma che le trattative con Valentino Rossi sono in corso da venerdì e che si è anche vicini ad una definizione dell’accordo.

"Rossi non è un pilota normale"


“I colloqui sono stati finora positivi e ci stiamo dirigendo verso la conclusione della trattativa”, ha annunciato Razlan Razali in un’intervista con la testata malese Bharian.com. “L’accordo non è stato ancora finalizzato, ma speriamo che tutto possa essere definito prima dell’inizio del prossimo mese.
"Rossi non è un pilota ‘normale’, quindi le trattative non sono facili, perché coinvolgono molte parti, e c'è molto da discutere”, ha spiegato Razali.

Questione di stabilità


"A breve faremo una videoconferenza con Rossi. Vuole sapere cosa la squadra si aspetta da lui.... Con l’attuale situazione nella squadra serve stabilità”, ha aggiunto Razali. “Sarebbe utile per noi avere un pilota che può dare stabilità alla squadra. Se Valentino Rossi finisse la sua carriera con noi, sarebbe un onore”, ha concluso Razlan.

Anche se dovese correre con i colori del team Petronas SRT, Rossi avrebbe pieno supporto dal team ufficiale Yamaha, con una moto attuale, e potrebbe contribuire allo sviluppo della M1.

Ma per il momento è ancora tutto al condizionale.

Max Biaggi e Aprilia (ancora) in pista al Mugello