Il futuro di Francesco Bagnaia in sella alla Ducati Pramac appare al momento molto incerto. In ballo potrebbe esserci una possibile new entry come Johann Zarco, anche se ancora niente è certo. Dopo che Jack Miller dal 2021 passerà in Ducati ufficiale, al team Pramac si è liberato un posto ma con un mercato in continuo fermento, nessuno sembra “al sicuro”. A parlare della situazione di Pecco Bagnaia è stato il Direttore sportivo Ducati Paolo Ciabatti.

Presto per decidere


“Vogliamo aspettare e vedere cosa succede quando ricomincerà il Motomondiale - ha detto Ciabatti a Speedweek riferendosi alla data ormai ufficiale del 19 luglio che vedrà la MotoGP ripartire -. Certo, con i suoi 23 anni e le sue conquiste nel campionato del mondo Moto2, Bagnaia è un pilota con cui vorremmo continuare a collaborare anche per il futuro. Ma allo stesso tempo vogliamo vederlo all'azione con la moto 2020. Da lui ci aspettiamo un netto miglioramento rispetto alla stagione 2019”.

Idea Zarco


Nell'occasione Paolo Ciabatti ha parlato anche di Johann Zarco: ”Beh, a quasi 30 anni non è più un pilota molto giovane. Ma non dobbiamo dimenticare i risultati che ha ottenuto prima del suo contratto con KTM. Ecco perché vogliamo mantenere l'uno o l'altro posto aperto”.

Zarco torna in pista “con la Regina delle moto stradali”

2020, ultima chiamata


Le aspettative su Pecco, quindi, sono alte: nel 2019, seppur i test invernali erano andati benissimo, i risultati nelle gare non sono arrivati. Il miglior piazzamento è stato il quarto posto nel GP di Phillip Island chiudendo la stagione in quindicesima posizione. Il pilota italiano gode anche dell'appoggio dell'Academy VR46 e proprio alcuni giorni fa era stato Alessio Salucci, braccio destro di Valentino Rossi ad esprimere una buona opinione nei suoi confronti.

Come andrà quindi dal 2021 è ancora tutto da scrivere, per il giovane italiano questa stagione - sprint - 2020 sarà senza dubbio molto importante e decisiva.

Ciabatti: “Lorenzo non è un candidato per noi”