Con il Campionato MotoGP in partenza dal 19 luglio a Jerez e i test a Misano da parte di Aprilia, KTM e Suzuki che da oggi e per tre giorni animeranno il circuito dedicato a Marco Simoncelli, anche il mercato piloti continua tra alti e bassi a smuovere gli animi della classe regina.

Tra Pol Espargarò che ancora non ha deciso se approdare o meno in Honda (anche se la scelta appare quasi scontata), anche Ducati potrebbe regalare grosse sorprese.

Se al posto di Danilo Petrucci dal 2021 arriverà Jack Miller, sulla questione Andrea Dovizioso è ancora tutto aperto.

Come sarà la nuova stagione per Dovi?


Il pilota di Forlì ha parlato di questa stagione-sprint che lo attende: ”Sto benissimo, sono allenato come non mai visto che abbiamo avuto molto tempo per prepararci - Ha detto ai microfoni di Sky Sport MotoGP -. Per quanto riguarda la nuova stagione ci sono tanti aspetti da tenere in considerazione, già partendo a Jerez, dove non abbiamo mai girato a luglio con il caldo. Abbiamo una gomma dietro che non abbiamo mai provato e saremo senza ritmo. Faremo un test il mercoledì e poi subito in gara, è una cosa che non è mai successa. Sicuramente questi aspetti condizioneranno il Mondiale”.

E il rinnovo?


Quindi sul futuro, argomento che Dovi glissa in modo molto esplicito:Il futuro in Ducati? Vedremo, vi faremo sapere..." e aggiunge che spera che Danilo Petrucci riesca a trovare un posto in MotoGP:” Se lo merita!
Ma se Petrucci sembrerebbe già direzionato verso KTM, ovviamente se Pol Espargarò andrà via, a Dovi cosa resterebbe se il contratto con Ducati non dovesse vedere il rinnovo?

Sicuramente per la Rossa di Borgo Panigale, Dovizioso rappresenta la prima scelta, anche se come detto dal Direttore Sportivo Paolo Ciabatti il contratto potrebbe essere rivalutato da un punto di vista economico causa covid-19 che ha portato una crisi in fatto di sponsorizzazioni.

Jorge Lorenzo tra i papabili?


C'è anche chi ipotizza che in caso di fumata nera tra Andrea e Ducati, potrebbe esserci un ritorno di fiamma per Jorge Lorenzo anche lui infognato nella crisi coronavirus con un contratto di un anno come collaudatore Yamaha che non sa se verrà rinnovato.

L'unica cosa certa in merito a questa possibilità è che l'ingegnere Dall'Igna sarebbe pronto a riaccoglierlo a braccia aperte, ma in questo momento per Ducati i “contro” nel riavere Jorge potrebbero superare i “pro”: di certo Lorenzo non potrebbe essere riassunto alle stesse condizioni economiche del 2017 e 2018, in più nel 2019 in sella alla Honda RC213V ha trascorso un anno disastroso tra infortuni e ritiri, quindi sarebbe pronto fisicamente e mentalmente per affrontare una stagione dopo questo 2020 di “stop”?

Chissà, Jorge ha detto di essere felice così per il momento ma per il futuro non ha escluso niente, anzi, ha detto chiaramente che se un team dovesse essere interessato a lui potrebbe farci un pensierino...

Lutto nel BSB: è morto Benjamin Godfrey