Non sarà soltanto la doppia tappa a Jerez a svolgersi senza pubblico in circuito. Nella giornata di oggi è arrivata la conferma ufficiale che anche la terza gara della stagione, il GP della Repubblica Ceca in programma nel weekend del 07-09 agosto, si correrà a porte chiuse.

Gli sforzi dei promotori non sono bastati a concretizzare l'apertura del circuito ai tifosi e, dopo lunghe trattative portate avanti dai rappresentanti dell'Associazione GP CR Brno, di comune accordo con la Dorna, è stata presa l'inevitabile decisione di disputare l'evento senza pubblico.

"Il nostro obiettivo era di negoziare condizioni che avessero senso per tutte le parti coinvolte - ha affermato il governatore della Moravia meridionale Bohumil Šimek - Non volevamo assolutamente privare i fan di un'esperienza unica".

Con la pandemia ancora in corso, alla fine, la volontà di garantire la sicurezza di spettatori e addetti ai lavori ha vinto su tutto; ma i tifosi possono comunque guardare con ottimismo alla prossima stagione.

I biglietti venduti per quest'anno, infatti, saranno validi anche nel 2021, ma a chi non volesse usufruirne viene anche data la possibilità di ottenerne il rimborso.

"Anche se siamo convinti che gran parte dei tifosi della MotoGP conserverà i loro biglietti per il prossimo anno, i fan hanno ovviamente diritto a un rimborso dei biglietti - ha confermato la direttrice del Centro di informazione turistica della città di Brno, Jana Janulíková -. Chi volesse utilizzare questa opzione, tramite un modulo online potrà richiedere il rimborso dell'intera quota".

KTM e la scelta di Petrucci in Tech3: cosa c'è dietro?