Finalmente ci siamo: questo weekend andrà in scena il primo round della MotoGP dopo l’interminabile stop per la pandemia di Coronavirus. Andrea Dovizioso ha rischiato di non essere presente al via per l’infortunio alla clavicola durante una gara di campionato regionale di motocross in Emilia Romagna, ma ieri il forlivese è stato dichiarato idoneo dal medico sportivo. Ad annunciarlo è proprio Ducati Corse, attraverso Twitter.

Idoneo! Dopo un controllo medico questa mattina con il dottor Angel Charte, Andrea Dovizioso è stato chiarato ‘fit’ e pronto a correre questo weekend. Forza Ducati!” è il tweet ufficiale.

“Finalmente è giunto il momento che tutti noi piloti stavamo aspettando da mesi”, commenta Andrea. “Inizia il mondiale e questa è una grande notizia per tutti! Dopo l’operazione alla clavicola ho continuato a lavorare duramente per cercare di arrivare in forma all’appuntamento di Jerez”, aggiunge il forlivese.

Calendario corto: serve costanza


Dovizioso ha dato delle anticipazioni sulle sue condizioni fisiche, rimarcando il calendario necessariamente serrato, che per lui, considerando il recente infortunio, costituirà un elemento di difficoltà in più.

“Mi sento abbastanza bene, le mie sensazioni sono positive, ma finché non salgo in sella alla Desmosedici GP non saprò esattamente quali sono le mie reali condizioni. Dovremo abituarci al caldo di Jerez e visto il calendario così corto sarà ancora più importante essere costanti e non commettere errori.

“In ogni caso, poter rivedere la squadra e poter gareggiare è ciò che desidero di più in questo momento! Che l’azione abbia inizio!” ha concluso Dovi.

Il portacolori Ducati avrà modo di verificare la sua reale condizione nel corso della giornata di test di oggi, che precederà l’inizio ufficiale del fine settimana di gara.

Per Andrea, che si è confermato vicecampione del mondo per la terza volta consecutiva nel 2019, questa sarà la tredicesima stagione in MotoGP e l’ottava con la squadra di Borgo Panigale.

Marquez: “Nono titolo? Non credo Rossi mi farà i complimenti”