E' finito prima ancora di iniziare il weekend spagnolo di Jerez per Alex Rins. Il pilota Suzuki è incappato in una brutta caduta durante le qualifiche ed è stato portato sunito al centro medico per degli accertamenti.

La caduta


Dopo essere passato dalla Q1 Rins ha continuato la sua marcia inesorabile anche nelle Q2, ma mentre era al limite per il giro lanciato è caduto nella ghiaia a gran velocità.

Lo spagnolo si è rialzato da solo tenendosi visibilmente il braccio. Portato subito al centro medico è stato sottoposto ai primi accertamenti che hanno evidenziato una lussazione alla spalla destra e una possibile frattura della testa dell'omero. Per questo motivo i medici hanno ritenuto indispensabile portare Rins in ospedale per una risonanza che possa o meno accertare anche eventuali danni ai legamenti.

In ospedale per accertamenti ulteriori


“Il trauma è stato importante - ha detto il Dottor Zaza a Sky Sport MotoGP - ha subito una lussazione a livello della spalla che al centro medico è stata ridotta. Abbiamo però fatto anche delle radiografie di controllo e se la lussazione iniziale è ridotta, c'è il sospetto di un'ulteriore frattura della testa dell'omero. Adesso andrà quindi in ospedale per capre meglio la situazione e valutare anche eventuali danni a tendini e legamenti. In ogni caso per adesso e molto probabilmente anche per domani è unfit".

Se, come è probabile Rins non potrà correre domani in gara, Suzuki dovrà correre ai ripari chiamando il collaudatore Sylvain Guintoli.

Quartararo: “Pole position? Adesso manca la vittoria”