Marc Marquez questa mattina ha preso il volo verso Barcellona ed è atterrato intorno alle 12. Dopo la caduta durante la gara di ieri che si è svolta a Jerez, il pilota Honda ha riportato la frattura dell'omero e quindi dovrà essere operato.
Ad attenderlo a Barcellona c'era il Dottor Mir, medico di fiducia del pilota spagnolo (e di tanti altri piloti) che già in passato lo aveva operato ad entrambe le spalle.

Braccio fasciato ed immobilizzato


Come si vede da un video apparso sul sito della MotoGP, Marquez è stato accompagnato dal suo manager Emilio Alzamora in aeroporto e da qui, insieme a lui è volato verso Barcellona dove ad attenderlo c'era il Dottor Mir.
Marc è apparso con il braccio vistosamente fasciato (nel corso del video si è sempre tenuto il braccio con l'altra mano) ed ha salutato e ringraziato le persone che gli hanno fatto un”in bocca al lupo” per l'intervento.

L'incidente e l'intervento


Il Dottor Mir, come ha riportato Catalunya Radio, ha detto che l'obiettivo sarà quello di far tornare Marquez in tempo per il GP di Brno.
“Il GP di Jerez di domenica 26, invece - ha detto - è escluso”. Se il nervo non è interessato, infatti, la frattura all'omero verrà stabilizzata e Márquez sarà in grado di tornare quanto prima.

Il Dottor Mir ha anche spiegato la causa dell'infortunio:" E' stato un trauma dovuto dallo schiacciamento dello pneumatico sul braccio destro di Marc. Questo ha causato una frattura del terzo medio dell'omero, una frattura completa, sebbene non completamente spostata. C'è anche la possibilità di una possibile paresi del nervo radiale".
Se ad essere interessato fosse anche il nervo, i tempi di recupero dell'otto volte iridato potrebbero aumentare:” Dalle tre alle quattro settimane circa.” - ha concluso il Dottor Mir.

La speranza è che tutto si risolva per il meglio.

MotoGP, Marquez rassicura: “Tornerò più forte di prima!”