Fabio Quartararo ci ha preso gusto: a un settimana dal suo primo successo nella Classe Regina, il pilota francese si è ripetuto a Jerez, centrando la sua seconda vittoria consecutiva. Un’affermazione pesante per “El Diablo”, che allunga nella classifica del Mondiale, sfruttando al meglio l’assenza di Marc Marquez, costretto alla resa dopo l’infortunio.

A Jerez non c’è stata partita: Quartararo ne aveva più di tutti e lo ha dimostrato fuggendo via indisturbato, mentre alle sue spalle succedeva il finimondo. Con Quartararo in fuga fin dalle prime battute, grazie a un ritmo insostenibile per la concorrenza, la lotta per i restanti due gradini del podio sembrava un affare riservato a quattro piloti: le Yamaha ufficiali di Vinales e Rossi e le due Ducati del team Pramac.

Dopo un brillante avvio, lo spagnolo della Yamaha ha iniziato a perdere terreno ritrovandosi in sesta posizione nel corso del decimo giro, quando è stato passato, in successione, da Bagnaia, Miller e Morbidelli.

Ma le cadute e i problemi che hanno contraddistinto questa infuocata gara a Jerez - in cui solo 13 piloti sono giunti al traguardo -, non hanno risparmiato i due ducatisti. Forzando il passo per inseguire il suo compagno di squadra, Jack Miller si è ritrovato nella ghiaia di Curva 9 all’undicesimo giro.

Sette tornate prima che si consumasse il dramma sportivo del suo compagno di squadra: salito in seconda posizione, grazie a un gran sorpasso ai danni di Rossi, Bagnaia è stato costretto a parcheggiare la sua Desmosedici, avvolta da una densa nube di fumo bianco.

Più o meno la stessa sorte toccata a Morbidelli, tradito dal motore della sua M1, giusto due passaggi prima.

Così, a contendersi la seconda piazza e la terza piazza, a quattro giri dalla fine, sono rimasti Rossi e Vinales, con lo spagnolo che è riuscito ad avere la meglio sul Dottore a due giri dalla fine, approfittando di un Vale in crisi di gomma.

Quarto dietro al trio Yamaha il buon Takaaki Nakagami, che si è tenuto alle spalle Joan Mir e Andrea Dovizioso, che in questo weekend non è riuscito a ripetere l’exploit della scorsa settimana. Completano la Top 10 di giornata Pol Espargaro, Alex Marquez, Johann Zarco e la seconda Suzuki di Alex Rins.

Abbonati a DAZN e guarda la MotoGP™, Moto2 e Moto3

La classifica finale


GP Andalusia, Moto2: Bastianini si impone nella tripletta azzurra