Il GP di Andalusia è stata davvero una gara ad eliminazione, considerando che soltanto 13 piloti sono arrivati al traguardo. Tra gli esclusi illustri, il nostro Francesco ‘Pecco’ Bagnaia, che è stato costretto a ritirarsi per un inconveniente tecnico mentre era addirittura in seconda posizione, con un vantaggio di sicurezza di quasi 3 second sul terzo.

Dopo l’ottima qualifica, che gli ha consentito di scattare dalla prima fila, Pecco ha ingaggiato un bel duello con il suo compagno di squadra Jack Miller, poi ha iniziato a girare fortissimo e ha superato prima Maverick Viñales poi Valentino Rossi.

Fabio Quartararo nel frattempo era già troppo lontano ma la seconda posizione sembrava saldamente nelle sue mani. Poi, però, a 5 giri dalla fine, un inconveniente tecnico ha avvolto in una nuvola di fumo la Ducati del team Pramac e ha costretto il piemontese ad un amaro e inaspettato ritiro.

Abbonati a DAZN e guarda la MotoGP™, Moto2 e Moto3

Ottimismo per Brno


“Non posso lamentarmi di un fine settimana come questo”, ha detto comunque Bagnaia. “Abbiamo lavorato benissimo, eravamo veloci e veramente competitivi”.

In effetti, la seconda posizione che aveva conquistato la dice lunga sul grado di preparazione di moto e pilta.
“Purtroppo un problema tecnico non ci ha permesso di finire la gara ma arriveremo a Brno con la consapevolezza che possiamo fare davvero bene”, annuncia Bagnaia con giusto ottimismo.

Miller: "Ho commesso un errore..."


Domenica nera per il team Pramac, perché anche Jack Miller ha dovuto rimandare l’appuntamento con il traguardo. L’australiano è partito alla grande dalla settima posizione e già nel primo giro aveva conquistato la quarta posizione, mettendosi alla caccia per il podio. Poi una scivolata ha infranto le speranze.

All’inizio ho avuto problemi a superare le Yamaha, ho provato superare Viñales nel momento in cui non era così veloce e quando finalmente ci sono riuscito ho dovuto spingere al massimo e purtroppo ho perso il grip e sono scivolato”, ha spiegato Miller.

Non posso lamentarmi, ho commesso un errore ma torneremo a Brno più forti”, è l’auspicio dell’australiano, che effettivamente ha dimostrato di avere un ottimo passo.

 Rossi: “Il podio è quasi come una vittoria. Alla fine ero in difficoltà”