Il team Ducati MotoGP si prepara alla doppia trasferta di Brno e dello Spielberg con grande ottimismo. In Austria in particolare Ducati ha sempre vinto dal 2016, e c’è anche il ‘vantaggio’ di non avere Marc Marquez in pista. Almeno a Brno.

A confermare questo punto di vista all’interno della compagine di Borgo Panigale è il direttore sportivo Paolo Ciabatti, che in un’intervista con Speedweek ha dichiarato: “A causa delle ultime informazioni sull'infortunio di Márquez, abbiamo un'ottima opportunità di vincere il titolo che non abbiamo avuto in passato.

“Negli ultimi tre anni solo Márquez ha fatto meglio di Dovi nel mondiale. Ora Márquez mancherà a Brno e forse in altre gare. E di sicuro non sarà in ottima forma al suo ritorno”, ipotizza Ciabatti.

“Purtroppo, devo dire che dovremmo beneficiare di questa situazione e cercare di vincere a Brno. E’ l’unico modo per vincere il titolo, che è il nostro obiettivo finale", spiega il ds di Ducati Corse MotoGP.

Aria di rinnovo


Questo, poi, è un periodo critico, perché c’è aria di rinnovo – o di cambiamento – in vista del 2021.

“Originariamente, a Dovizioso era stato garantito un importo di 4 milioni per il 2020. Ma è stato ridotto a causa del Coronabirus. E Ducati ora sa che ‘Dovi’ non può ottenere un'altra moto competitiva, perché le porte di Repsol-Honda e Red Bull-KTM ormai sono chiuse. Le trattative per il momento sono state sospese. Ma dopo il secondo GP di Spielberg dovranno riprendere”, aggiunge Ciabatti.

L’alternativa al rinnovo di Dovizioso è l’arrivo di Bagnaia.

“Faremo una nuova offerta a ‘Pecco’ affinché rimanga con Ducati. Sono disponibili due opzioni: Pramac o team ufficiale. Vogliamo che Bagnaia rimanga con noi, in quale squadra lo decideremo in seguito.

"Il nostro obiettivo è trovare un accordo per continuare con Dovi. Ma quando ci sono di mezzo questioni economiche è difficile fare previsioni”, conclude Paolo Ciabatti.

MotoGP, Repubblica Ceca: tutti all'assalto della Yamaha