Dopo l’operazione di ieri per sostituire la placca piegata dallo stress subito causa rientro forzato ed esercizi fisici al braccio per recuperare in fretta, l’avventura di Marc Marquez nel Mondiale 2020 è ormai praticamente giunta al capolinea, dopo soltanto una gara disputata.

Saltare Brno e le due gare in Austria


Secondo quanto riportato dal quotidiano catalano El Periodico, Marc Marquez avrebbe deciso di prendersela con più calma questa volta - memore forse del danno causato al braccio destro fresco di operazione - e di saltare le tre gare agostane di Brno e la doppia sul RedBull Ring. Tre appuntamenti cruciali che determinano la corsa al titolo Mondiale.

Corsa dalla quale inevitabilmente è tagliato fuori l’8 volte campione del mondo, amareggiato per i commenti che gli sono arrivati dopo aver provato a rientrare subito alla seconda gara di Jerez, accorgendosi dopo un giro solo di Q1 di non essere in grado di sostenere le due sessioni di qualifica e i 25 giri di gara.

Verosimilmente, Stefan Bradl prenderà il posto del pilota di Cervera anche nelle due gare sul tracciato austriaco del RedBull Ring previste per il 16 ed il 23 agosto. Certo, senza il proprio pilota di punta Hrc dovrà riporre le proprie speranze sugli altri piloti Honda, sperando di perdere meno punti possibili da Yamaha nelle classifiche costruttori e team.

Rientro a settembre a Misano


Il periodico catalano indica la doppia gara di Misano del 13 e 20 settembre come possibile data di rientro di Marquez, per cercare di portare a termine il Mondiale in una posizione quantomeno consona al suo blasone, gettando le basi per l’attacco al titolo 2021.

Con le nove gare che rimarranno per finire la stagione (le due di Misano, le due di Aragon, Barcellona, Le Mans e la doppia a Valencia alle quali dovrebbe aggiungersi Portimao il 22 novembre), Marquez avrà a disposizione un bottino massimo di 225 punti. Tanti, ma difficilmente abbastanza per permettere a Marquez di compiere l’ìmpresa impossibile di riconfermarsi campione; considerando che Quartararo e Vinales, al momento, hanno già rispettivamente 50 e 40 punti di vantaggio sul fenomeno di Cervera. 

Niente è scontato quando si parla di Marquez, ma stavolta centrare il titolo potrebbe essere troppo anche per lui.

MotoGP, Ciabatti: “Senza Marquez, un'ottima opportunità di vincere il titolo…”