Takaaki Nakagami riparte dal Gp della Repubblica Ceca come alfiere principale HRC. Con l'assenza di Marc Marquez, Cal Crutchlow infortunato e Alex Marquez alle prese con la prima esperienza in sella alla RC213V, il giapponese rappresenta per Honda l'unica possibilità di salvezza.

Per questo Nakagami ha detto di sentire molto la pressione sulle sue spalle.

Tanta pressione addosso


Il giapponese del team LCR Honda di Lucio Cecchinello è partito analizzando l'ultima gara di Jerez, per poi parlare di ciò che si aspetta dal weekend ceco: “A Jerez le condizioni erano molto anomale - ha spiegato - con molto caldo specialmente nella seconda gara. Facevo anche fatica a respirare ma siamo riusciti a migliorare tanto. Adesso la storia è diversa, il tracciato è diverso quindi cercheremo di migliorare continuando a lavorare bene e tanto. Marc non c'è e sento una grossa pressione da parte di HRC, ma mi godo il momento. Speriamo sia un buon weekend”.

Puig: “La placca di Marquez si è rotta aprendo una finestra”

Studiando lo stile di Marquez


Nakagami, nei giorni passati, aveva detto di essere riuscito ad ottenere miglioramenti nella guida dopo aver guardato i dati di Marquez: “Quando ho visto i dati di Marc - ha proseguito - ho capito che il suo è uno stile di guida diverso, che non è facile da riprodurre. In HRC sono stati tutti di grande aiuto quindi anche a Brno continueremo a confrontare i dati. In frenata Marc ferma la moto in modo totalmente diverso, non è stato semplice capire e trovare la giusta sensazione ma piano piano ho trovato feeling e ho visto che è stato sempre più facile fermare la moto quindi i dati mi hanno aiutato moltissimo”.

MotoGP, Repubblica Ceca: tutti all'assalto della Yamaha