Gomme nuove e time attack a fine turno, il riassunto delle FP3 della MotoGP parte da questi due elementi.
In palio c'era un preziosissimo pass da conquistare per le qualifiche.

Se nella prima giornata erano stati tanti i piloti della classe regina a testare set up ed asfalto di Brno a discapito del mero giro secco, nelle FP3 era indispensabile aprire il gas e tentare il tutto e per tutto per riuscire ad entrare nella top ten. Obiettivo centrato pienamente da Franco Morbidelli che ha stampato il tempo veloce in 1:56.037.

Questa volta tocca a Franco


Il pilota Petronas più veloce in pista questa volta è stato l'italiano, mentre il francese Fabio Quartararo, compagno di team, è arrivato terzo accumulando un gap da Franco di +0,097 millesimi.

Ma la grande rivelazione di queste FP3 è stata Johann Zarco (+0,016) “l'altro” francese che dopo una travagliata stagione in KTM e l'arrivo a sorpresa al team Ducati Avintia sembra aver trovato gran velocità.

Lui, tra l'altro, è il primo pilota Ducati in classifica, mentre per trovare il secondo c'è da scivolare fino alla decima posizione dove al momento si è posizionato Danilo Petrucci (+0,257), mentre sfortunatamente il weekend di Andrea Dovizioso sembra continuare in netta salita. Il pilota forlivese è arrivato soltanto 13esimo e dovrà passare dalla difficile Q1, così come Jack Miller arrivato quindicesimo.

Frattura alla tibia per Bagnaia, termina per lui il weekend ceco

Rossi c'è


La quarta posizione è andata invece a prenderla Pol Espargarò in sella alla KTM, mentre Valentino Rossi sembra aver trovato un ottimo feeling con la M1 ed è riuscito a piazzarsi quinto. Il Dottore con le gomme nuove gira davvero forte e in qualifica potrebbe essere uno dei protagonisti insieme a Morbidelli e Quartararo.

Più attardato resta invece Maverick Vinales, ultima Yamaha in classifica ma comunque sempre in top ten in quanto si è preso il nono posto dietro ad Aleix Espargarò, Joan Mir e Cal Crutchlow.

Rossi: “L’asfalto ha poco grip, ma il mio passo non è male”

Per Dovizioso sarà davvero dura


Tra i piloti che non sono riusciti a centrare l'accesso diretto in Q2 anche Alex Rins, Takaaki Nakagami, Miguel Oliveira e Brad Binder.

La sfida dal Q1 al Q2 sarà quindi molto accesa e la lotta per le Ducati di Dovi e Miller dovrà iniziare da subito per avere una chance di risalire ed accaparrarsi una buona posizione in griglia in vista della gara di domani.

Dovizioso: “La messa a punto per la gara è la priorità”

La Top 10 combinata


1. Franco Morbidelli (Petronas Yamaha SRT) – 1:56.037

2. Johann Zarco (Esponsorama Racing) + 0.016

3. Fabio Quartararo (Petronas Yamaha SRT) + 0.097

4. Pol Espargaro (Red Bull KTM Factory Racing) + 0.103

5. Valentino Rossi (Monster Energy Yamaha MotoGP) + 0.113

6. Aleix Espargaro (Aprilia Racing Team Gresini) + 0.146

7. Joan Mir (Team Suzuki Ecstar) + 0.224

8. Cal Crutchlow (LCR Honda Castrol) + 0.226

9. Maverick Viñales (Monster Energy Yamaha MotoGP) + 0.245

10. Danilo Petrucci (Ducati Team) + 0.257