La MotoGP si appresta a disputare due Gran Premi consecutivi al Red Bull Ring, la pista austriaca entrata in calendario nel 2016 dove finora ha sempre vinto la Ducati. Quest’anno però la storia sembra essere diversa, con KTM che ha vinto la sua prima gara a Brno e su questa pista è di “casa”.

Ducati


La pista austriaca si presta particolarmente alle caratteristiche della Ducati Desmosedici GP, e non è un caso che dal 2016 al 2019 sia stata proprio una “rossa” a trionfare. Prima con Andrea Iannone, poi con Andrea Dovizioso e anche con Jorge Lorenzo. Ducati ha il primato e questo fine settimana farà il possibile per mantenerlo.
La casa di Borgo Panigale arriva da un weekend, quello a Brno, dove ha avuto sensazioni miste. Ha sì conquistato il podio con Johann Zarco, alla guida della GP19, ma i piloti che hanno per le mani la GP20 hanno chiuso oltre la top 10. Lo stesso Dovizioso ha ammesso di non riuscire a trovare il feeling giusto, complice anche la nuova gomma al posteriore. E questo potrebbe essere fatale anche su una pista che in passato è stata solo dominata dalla Desmosedici.
Oppure proprio questo posto potrà essere simbolo della rinascita Ducati?

KTM


La casa austriaca, al suo quarto anno in MotoGP, a Brno ha trionfato. Con un debuttante, Brad Binder. Avendo ancora le concessioni (come Aprilia), KTM può ancora svolgere un numero illimitato di test per migliorare la RC16 e così dopo il successo in Repubblica Ceca, si sono fermati proprio su questa pista per continuare a lavorare, con l’obiettivo di dominare la scena anche sulla pista che per loro è di “casa".
Il Red Bull Ring è stato teatro di diversi test di KTM, sia con i piloti ufficiali, sia anche solo con il collaudatore di lusso Dani Pedrosa, appena finito il lockdown, e questo lascia presagire solo una cosa: che nei due GP vorranno fare il “piglia tutto”. Binder ha già dimostrato di avere tutto sotto controllo, anche Pol Espargaro avrebbe potuto essere nella lotta per la vittoria a Brno, se non fosse caduto. Insomma, ci sono tutti i presupposti per vedere un dominio arancione tra le verdi curve austriache.

Marquez out per i due GP in Austria, aggiornamento