Riuscirà il rookie Brad Binder ad eguagliare la formidabile prestazione avuta in gara a Brno? Sul tracciato austriaco la Ktm gioca in casa e il circuito, avendo fatto qui molti test, è conosciuto dai piloti orange “come le loro tasche”.

Binder, in più, è lanciato dopo il successo della Repubblica Ceca e potrebbe regalare un altro inaspettato risultato alla Casa austriaca.

Abbonati a DAZN e guarda la MotoGP™, Moto2 e Moto3

"Piedi per terra e mente fredda per l'Austria"


In conferenza stampa il sudafricano ha parlato ancora con gioia della vittoria conquistata in Repubblica Ceca:”Non sono sicuro che qui a Spielberg andrà nello stesso modo - ha detto - ma a Brno è stato meraviglioso, inaspettato e fantastico. Devo ringraziare tutto il team che ha lavorato tantissimo”.

Al momento in Austria sta piovendo e sembra che per tutto il weekend sarà così: “Ho fatto solo qualche giro sul tracciato con il bagnato l'anno scorso - ha proseguito Binder - e non so davvero come andrà ma in ogni caso non vedo l'ora di scendere in pista e godermi la nostra gara di casa. Teniamo i piedi per terra e lavoriamo a mente fredda”.

MotoGP, Pol Espargaro: “Zarco meritava una seconda penalità in Repubblica Ceca”

Il momento più difficile e la svolta


Binder ha raccontato anche un momento del suo passato che è servito a svoltargli la carriera: “Nel 2012 ero a Valencia - ha concluso - e credevo che sarei tornato a casa ma poi ho avuto fortuna e sono stato scelto per continuare a correre. Se non ci fosse stato quel colpo di fortuna non sarei qui”.

MotoGP, GP Austria: la leadership di Quartararo è in pericolo?