Andrea Dovizioso ha preso la sua decisione: il 2020 sarà la sua ultima stagione con il team ufficiale Ducati.

"Non ci sono le condizioni per continuare insieme", ha detto a Sky Sport Simone Battistella, manager del forlivese. Probabilmente, le parti erano troppo distanti per trovare un accordo. Forse, non solo sul piano econonomico.

Che la Ducati non volesse fare carte false per tenersi Dovizioso era evidente già da un po'. Così dopo otto anni e tre stagioni consecutive chiuse da vice Campione del Mondo, Dovizioso ha deciso di interrompere il rapporto che lo legava alla squadra di Borgo Panigale.

VOTA IL SONDAGGIO: Cosa farà Andrea Dovizioso nel 2021?

"Abbiamo comunicato a Ducati che Andrea non ha intenzione di continuare per i prossimi anni, che adesso vuole concentrarsi sulle prossime gare - ha spiegato Battistella, che ha poi rassicurato sul futuro del numero 4 -. Non lascerà comunque la MotoGP, anche se non ci sono negoziazioni in corso con altre squadre: è stata una riflessione fatta nel corso dell’ultimo periodo, Andrea si sente molto più sereno adesso che ha preso questa decisione".

Mentre si attende di conoscere il futuro di Dovizioso, che potrebbe decidere di continuare nelle vesti di collaudatore, quel che è certo è che entro la fine del mese conosceremo il nome del suo successore. Che, esclusi colpi di scena, sarà uno tra Jorge Lorenzo e Francesco Bagnaia.

Miller sul divorzio Dovi-Ducati: “Avrei voluto una leggenda come lui al box”