Non è stato un post Qualifiche tranquillo quello di Danilo Petrucci e Aleix Espargaro, che non se le sono mandate a dire dopo lo screzio avuto in Q1.

Durante il penultimo dei suoi giri lanciati, il pilota di Terni si è trovato in traiettoria l'Aprilia RS-GP20 dello spagnolo, che non ha minimamente accennato a spostarsi, mandando Petrux su tutte le furie.

Liberatosi di Aleix, il ducatista si è lamentato in maniera plateale già in pista - dove ha mandato a quel paese l'iberico di Aprilia - per poi rincarare la dose tornato al box, dove ha mostrato il dito in direzione del collega, ritenuto la causa della sua mancata qualificazione alla Q2.

Aleix si difende su Twitter


Danilo ha mancato l'accesso in Q2 per il blocco di Espargaro nel time attack? Non secondo Aleix, che ha rispedito le accuse al mittente, pubblicando l'analisi dei tempi della Q1. Corredata da un velenoso messaggio: "Petrucci ha fatto il record nel quarto settore del giro in cui dice che io l'ho disturbato... Non è divertente? - ha twittato lo spagnolo - Mi dispiace che tu sia uscito in Q1 con la moto che ha vinto negli ultimi 4 anni!".

Danilo contattacca


Una difesa a cui ha risposto picato Danilo, mettendo a confronto i risultati della sua carriera, con quelli del maggiore degli Espargaro.

Una querelle un po' sopra le righe, che probabilmente nasce più dalla delusione di Petrux, che sapeva di avere tra le mani una Desmosedici che vale ben più della quinta fila, piuttosto che dall'episodio in sé e per sé.

"La qualifica non è andata come volevo - ha detto Danilo, a freddo, a Sky Sport MotoGP -. Peccato per pochi millesimi, e per aver trovato Aleix le ultime due curve. Però, secondo me domani possiamo fare una bella gara. Sto guidando diversamente. Mi sto impegnando. Abbiamo cambiato molto sulla moto a livello di elettronica. Quindi, ci vuole un po' di tempo. Però secondo me possiamo essere competitivi".

Stoner, stoccata a Ducati: “Non possono permettersi di perdere Dovi”