Dopo appena due gare, KTM ha vinto il suo primo Gran Premio della storia, a Brno, e proprio a fine anno, dopo quattro stagioni, Pol Espargaro lascerà la casa austriaca per approdare in Honda. Secondo Jorge Lorenzo (che nel 2021 potrebbe tornare in griglia di partenza) lo spagnolo non è più così contento della scelta fatta, come ha raccontato al sito spagnolo As.com:

Probabilmente Pol si sta pentendo di aver lasciato KTM. Non lo ammetterà perché il suo futuro team è il Repsol Honda, ma non so quello che sta pensando dentro di sé. La situazione darebbe da pensare a chiunque. Pol ha fatto il lavoro più duro in KTM, come ha detto l’altro giorno un responsabile dell'azienda, e quando le cose iniziano a funzionare andrà su una moto che sembra che l’unico che la sappia portare davanti a tutti è Marc Marquez”.

Dani Pedrosa, l’asso nella manica di KTM

Capitolo Honda


Lo stesso Lorenzo con la Honda ha fatto una grande fatica e, complice anche qualche infortunio, non ha mai trovato il giusto feeling con la moto.

Il maiorchino ha detto: “La RC213V è una moto complicata, soprattutto all’anteriore. Ci sono piloti che non hanno bisogno di sentire tanto la ruota anteriore e altri per cui è fondamentale. Nel mio caso è sempre stato importante avere quel tipo di stabilità e per questo soffrivo più di altri piloti su questa moto. Oggi sembra che la moto sia molto estremizzata, perché sono andati nella direzione di Marquez (che non sarà presente al GP di Stiria) e lui ha uno stile di guida molto particolare”.

RC16


Dopo quattro anni di duro lavoro la RC16 oggi è una moto vincente e a dimostrarlo è stato Brad Binder a Brno. Lorenzo ammette: “Le KTM in quelle circostanze offrivano un po’ più di grip rispetto alle altre moto e sia Binder che Pol erano molto competitivi per questo motivo. In altre condizioni saranno migliori rispetto allo scorso anno, ma non so se al punto da vincere anche quest'anno. Potrebbe essere che in un circuito favorevole per loro abbia offerto quella possibilità, ma resta da vedere che questo accadrà”.

MotoGP: Dovizioso e Ducati un divorzio prevedibile